Moda

Perché Lindsay Lohan è un’icona della moda?

Tutti ricordano il culto Lindsay Lohan. Che si tratti di una semplice battuta cinematografica, di una notizia scandalosa o di una sconfinata ammirazione per la sua carriera (deve esistere), l’attrice non lascia nessuno indifferente. E se nella seconda parte della sua carriera il bambolotto dai capelli rossi della scuderia Disney è stato più notato dagli eccessi alcolici – il che fa parte della leggenda -, questa è stata in cima alle 7th arte. Sì, difficile da credere per i nati dopo l’elezione di Nicolas Sarkozy, ma Lindsay Lohan ha domato il botteghino mondiale nei primi anni 2000. Più che un’attrice e una cantante – si ascolta ancora “Rumors” di primo grado – Lindsay Lohan è stata una star assoluta… Modellata per adattarsi allo stampo delle star degli anni 2000, a cominciare dallo styling e dall’acconciatura. Ogni tendenza dell’anno 2000 è stata indossata da Lindsay Lohan. E se fino ad oggi lo stile poteva prestarsi a critiche, adesso è al top delle tendenze. Lindsay Lohan è l’icona fashion assoluta del momento?

Leggi anche:Perché Ophelia Winter è un’icona della moda?

Lo stile Lindsay Lohan

Tutto inizia nel film “A nous quatre”. Piccola pepita cinematografica del 1998, illustra l’esordio della bambina dai capelli rossi sul grande schermo. Oltre allo scenario adorabile, questa è un’opportunità per scoprire il potenziale della moda della dodicenne Lindsay Lohan. Guardaroba a volte preppy, a volte maliziosa, si distingue con i suoi occhi scintillanti e il suo smalto molto fantasioso. Ma l’apogeo dello stile Lohan arriverà solo all’inizio degli anni 2000. Lindsay Lohan soccombe a tutti i pezzi eclatanti di questo inizio di millennio come la famosa tuta Juicy Couture, che indossa anche sul red carpet (scelta sfortunata , affrontiamolo). Ma la zampa di Lindsay Lohan è accesa! Diventa femminile e persino piccante. Il suo sogno ? Vestiti come i tuoi idoli. “Per favore, vestimi come Britney Spears”, ha implorato sul set di “Diary of a Future Star”. Il suo stile affascina i registi che la gestiscono a pieno ritmo. Interpreta l’adolescente rock e ribelle esperta di borse e magliette distrutte in “Freaky Friday”, quindi passa all’immensa “Lolita Nonostante Me”. In questo capolavoro di Tina Fey, Lindsay Lohan sperimenta una svolta nel guardaroba specifica del personaggio: basic e senza stile fino a ultra-femminile. Lindsay Lohan adotta top attillati con strass, abiti bustier in ecopelle e persino la mini borsa a tracolla Vuitton. Poi le mode passano e Lindsay Lohan cerca se stessa. A volte bohémien, a volte rock… Ci perde ma ci mostra anche la versatilità del suo potere della moda. La sua carriera è a mezz’asta alla fine degli anni 2000, ma la moda lo accoglie a braccia aperte. Non necessariamente nelle migliori condizioni… Ma non tutti riescono a intromettersi nella fortezza della moda. Sui red carpet l’attrice ha impressionato con capi glamour come Versace vintage, poi ha posato per una campagna di Miu Miu nel 2007 prima di essere doppiata dallo stesso Karl Lagerfeld nel 2010. Tra le due star si è creato un rapporto forte e inaspettato. Il Kaiser la prenderà sotto la sua ala protettrice, la vestirà di Chanel e la inviterà a tutte le sfilate. Un assaggio di cosa la attenderà da Emanuel Ungaro dove diventerà consulente artistico per diverse stagioni. Indubbiamente non la migliore esperienza per Lindsay Lohan: il fondatore della maison descriverà questa associazione come un “disastro”.

Il ritorno degli anni 2000 (e di Lindsay Lohan)

Niente è scolpito nella pietra e ciò che era scadente ieri è di gran moda oggi. Un modo di pensare nella moda particolarmente verificabile. Le tendenze dimenticate e denigrate vengono riconsiderate con il passare del tempo. Anche la nostalgia gioca un ruolo importante. Pensiamo che prima fosse tutto meglio… Quindi tiriamo fuori i nostri vecchi vestiti per cercare di recuperare il tempo perduto. Oggi ci mancano gli anni 2000. Gli stilisti ci fanno quindi l’onore e il piacere di reinventare le linee, i colori, le tendenze e gli abiti che tanto ci affascinavano vent’anni fa. Blumarine, Miu Miu, Gucci, Urban Outfitters… Molti marchi di prêt-à-porter di lusso e convenienti offrono look usciti dal castello di Dammarie-les-Lys o il pre-casting di “High School Musical”. Cosa vuoi, è difficile andare avanti! 18 anni dopo, siamo ancora fan di “Lolita Malgrado me”, e celebriamo ancora il 3 ottobre (se questa data non ha connotazione per te, (ri)guarda il film). E se Lindsay Lohan ha vissuto grandi sconfitte nella sua carriera e nella sua vita privata, ora è il momento di offrire la sua redenzione. Come ha capito Robert Downey Jr. Il suo ritorno sta avvenendo tramite diversi contratti cinematografici su Netflix. È un buon inizio… Nel 2020, ancora una volta si è confrontata con la musica con il singolo “Back to me”, che non ha suscitato molto scalpore. Ma sentire Lindsay liberata dai suoi vecchi demoni ci riempie di gioia. Speriamo di vederla raggiungere ancora una volta i cieli che ha viaggiato.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment