Moda

date, candidati, risultati, istruzioni per l’elezione

I francesi sono chiamati a votare alle elezioni presidenziali del 10 aprile (1° turno) e del 24 aprile 2022 (2° turno). Dodici candidati sono in lizza per il primo turno: Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Jean-Luc Mélenchon, Valérie Pécresse, Eric Zemmour, Yannick Jadot, Anne Hidalgo, Fabien Roussel, Jean Lassalle, Nathalie Arthaud, Nicolas Dupont-Aignan e Philippe Pouto.

Le date delle elezioni presidenziali del 2022

È il vertice della vita democratica francese, ogni cinque anni. Le elezioni presidenziali del 2022 si svolgono in Francia il 10 aprile, per il primo turno, e il 24 aprile, per il secondo turno.

I candidati

Dodici candidati sono in corsa per il primo turno delle elezioni presidenziali del 2022. In ordine alfabetico: Nathalie Arthaud, Nicolas Dupont-Aignan, Anne Hidalgo, Yannick Jadot, Jean Lassalle, Marine Le Pen, Emmanuel Macron, Jean-Luc Mélenchon, Valérie Pécresse, Philippe Poutou, Fabien Roussel, Eric Zemmour. Tutti sono riusciti a raccogliere almeno 500 sponsorizzazioni, condizione essenziale posta dal Consiglio costituzionale, dopo alcuni timori per alcuni.

Regole ufficiali della campagna

La campagna ufficiale è iniziata il 28 marzo. Da tale data, in TV e radio, deve essere scrupolosamente rispettato il tempo di parola uguale per tutti i candidati. Tutti gli incontri e tutti i discorsi sono quindi rigorosamente conteggiati. I canali pubblici trasmettono anche clip della campagna dei candidati. E i cartelloni ufficiali vengono allestiti, secondo un ordine risultante da un sorteggio, prima dell’invio delle professioni di fede, su cui i francesi potranno trovare la parte principale dei programmi dei candidati.

La sera di venerdì 8 aprile, a mezzanotte, tutti i microfoni vengono tagliati. Nessun candidato può parlare durante questo periodo di riserva, che termina dopo il primo turno, e nessun sondaggio può essere trasmesso. Dall’11 al 22 aprile, la campagna del secondo turno segue le stesse regole. Il tradizionale dibattito tra le due prove, tra i due finalisti, si svolgerà il 20 aprile.

Regole elettorali

L’elezione presidenziale è un’elezione first past-the-post in due turni, a meno che un candidato non superi il punteggio del 50% al primo turno. Hanno diritto di voto tutti i francesi di età superiore ai 18 anni iscritti nelle liste elettorali. L’iscrizione nelle liste elettorali era possibile fino al 2 marzo (online) o al 4 marzo (data di ricevimento del documento cartaceo in Comune). Per queste elezioni presidenziali del 2022, 48,7 milioni di francesi sono iscritti nelle liste elettorali, ovvero il 95% dei francesi in età per votare.

Se non puoi recarti al seggio il 10 e 24 aprile, è possibile votare per delega, nominando un delegato e facendo l’iter tramite un servizio online o un modulo, quindi con un deposito presso una stazione di polizia. , una gendarmeria o un consolato, fino al giorno prima dello scrutinio.

Il contesto

Queste elezioni presidenziali del 2022 sono segnate da un contesto senza precedenti, con una pandemia di Covid ancora presente e la guerra in Ucraina. Elementi che monopolizzano le menti e che fanno temere una forte astensione, relegando spesso in secondo piano i temi della campagna.

Per quanto riguarda il Covid, per votare non è obbligatorio indossare la mascherina. È raccomandato solo per le persone che sono risultate positive, fino a sette giorni dopo il loro rilascio dall’isolamento, casi di contatto a rischio, individui fragili o sintomatici. Le mascherine chirurgiche sono messe a disposizione degli elettori e delle persone che partecipano all’organizzazione o allo svolgimento del voto, in tutti i seggi elettorali.

Sondaggi

Numerosissimi nei mesi e nelle settimane precedenti le elezioni, i sondaggi aiutano i candidati ad adattare le proprie strategie e, forse, gli elettori indecisi a posizionarsi, alimentando i media ei dibattiti. Emmanuel Macron, il presidente uscente, è sempre stato in testa ai sondaggi (circa il 28% al primo turno). Marine Le Pen svetta al secondo posto (22%), riducendo anche il gap nelle intenzioni di voto al secondo turno, con il 47% contro il 53% di Emmanuel Macron. Secondo i sondaggi, Jean-Luc Mélenchon (14%) dovrebbe precedere Valérie Pécresse ed Eric Zemmour, che scenderebbero sotto il 10%.

I risultati

I seggi chiudono, per la maggior parte, alle 19:00 del 10 e 24 aprile, o un’ora dopo nelle principali città in deroga. Dalle 20, e non prima, a pena di multa, vengono annunciati dai media i risultati delle elezioni presidenziali, con le stime degli istituti elettorali all’uscita delle urne. Dopo i riscontri dei seggi elettorali, in serata il ministero dell’Interno comunica i risultati ufficiali. RMC e BFMTV sono ovviamente pienamente mobilitate per dare vita a queste due serate elettorali.

L’assunzione della carica di presidente

Il 27 aprile, tre giorni dopo le elezioni, il Consiglio Costituzionale ha emesso la sua decisione convalidando i risultati e proclamando ufficialmente il nuovo Presidente della Repubblica. Il nuovo eletto entra in carica entro l’ultimo giorno del mandato del presidente uscente, ossia il 13 maggio di quest’anno.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment