Portafogli

Amministratore delegato di LMAX Digital sul crescente interesse istituzionale per le criptovalute

Mercoledì 30 marzo, Jenna Wright, amministratore delegato di LMAX Digital, è stata intervistata da James Harris, Chief Commercial Officer del principale fornitore di dati del mercato delle risorse digitali CryptoCompare, al CryptoCompare Digital Asset Summit di quest’anno.

LMAX Group è “una società di tecnologia finanziaria globale e il principale operatore indipendente di diverse sedi di esecuzione istituzionali per il trading di valute e criptovalute”. Con uffici in 9 paesi e una base clienti globale, il Gruppo costruisce e gestisce la propria infrastruttura di scambio ad alte prestazioni e bassissima latenza, che include motori di corrispondenza a Londra, New York e Tokyo. Il portafoglio di attività del Gruppo LMAX comprende LMAX Exchange, LMAX Global e LMAX Digital.

LMAX Digital, che è “regolato dalla Gibraltar Financial Services Commission (GFSC) come fornitore di DLT per servizi di esecuzione e custodia”, è uno scambio istituzionale di criptovaluta gestito dal Gruppo LMAX. Utilizzando la “tecnologia collaudata e solida e le relazioni di liquidità” del Gruppo LMAX, LMAX Digital “fornisce una soluzione leader di mercato per il trading fisico e i servizi di custodia per le criptovalute più liquide, come BTC (Bitcoin), ETH (Ethereum), LTC (Litecoin ), BCH (Bitcoin Cash), XRP (Ripple) e SOL (Solana). »

Alla richiesta di informazioni generali sul gruppo LMAX, Wright ha detto:

Dal 2010 il gruppo LMAX opera in cambi in tutto il mondo a Londra, New York e Tokyo. Quindi siamo sui mercati dei capitali da un po’ di tempo e commerciamo circa 25 miliardi di dollari al giorno in valuta estera. E nel 2017, abbiamo avuto un gruppo di clienti di tipo istituzionale non bancario esistente che ci chiedevano se potevamo recensire questa criptomoneta.

Quindi stavano facendo trading su un sacco di scambi di criptovalute al dettaglio, ma non c’era davvero nessun posto che avrebbero considerato di livello istituzionale, dove avrebbero potuto compensare parte del loro rischio, forse ridurre il rischio e connettersi davvero con altri partecipanti che la pensano allo stesso modo . Quindi potremmo prendere quello che stavamo facendo nel forex e replicarlo nel mondo delle criptovalute? Quindi, quando l’abbiamo guardato, in realtà per noi il dollaro bitcoin era molto simile all’euro dollaro, giusto?

Non ci è voluto molto più tempo di così. Era praticamente lo stesso software, solo nuovo hardware. Quindi, era solo un quinto scambio, molto comune per noi, considerando che l’avevamo fatto quattro volte prima. E abbiamo pensato di provarlo. Ciò che ha richiesto un po’ più di tempo è stato il concetto di custodia. Avevamo fatto molto affidamento sulle banche per farlo per noi in passato, sul lato fiduciario e poi sul lato regolamentare.

Quindi eravamo fortemente regolamentati in tutto il mondo per qualsiasi cosa FX e volevamo replicarlo sul lato crittografico. Quindi, per quanto riguarda la custodia, nel 2017 è stata sicuramente una situazione di portafoglio calda e dato che stavamo cercando, in modo simile a come facciamo per FX, di rivolgerci solo a clienti di tipo istituzionale, i portafogli caldi non avrebbero funzionato per noi. Conterrebbe decine e centinaia di milioni, forse miliardi, molto presto, quindi abbiamo deciso di costruirlo internamente. Siamo un’azienda tecnologica nel cuore e abbiamo creato un repository esclusivo. Quindi ora eseguiamo entrambi. Operiamo scambi e criptovalute istituzionali, nonché il custode.

Per quanto riguarda i loro piani per quest’anno, Wright ha menzionato l’imminente lancio del loro prodotto a termine di criptovalute. Come forse saprai, il 17 marzo, il gruppo LMAX ha annunciato tramite un comunicato stampa di aver collaborato con SIX Swiss Exchange per il lancio di “contratti future su criptovalute regolati in contanti e compensati in modo centralizzato. Questo lancio è previsto per il terzo trimestre del 2022, soggetto ad approvazione normativa, e “includerà inizialmente contratti futures su Bitcoin ed Ethereum regolati in USD, scambiati 23 ore al giorno, cinque giorni alla settimana, con il lancio completo del prodotto da estendere al trading 24 ore su 24, 7 giorni su 7 . .”

Una delle parti più interessanti dell’intervista è stata quando Harris ha chiesto a Wright come si relazionano i suoi clienti con l’attuale ambiente macro e in particolare se ha notato un cambiamento nel loro livello di interesse per le criptovalute.

Wright ha risposto:

Il 2022 sembra un po’ l’anno dei consolidamenti. Finora molto diverso da come è stato il nostro ultimo anno in termini di attività di formazione – che era quasi sostenibile, un po’ selvaggia, nella prima metà dell’anno scorso… credo che ne abbiamo parlato brevemente. Se torniamo al 2018, quando abbiamo presentato la nostra offerta di criptovalute a 35 banche che commerciano forex con noi, hanno detto “congratulazioni”. bravo, a dopo, dicci come stai”.

E poi vai avanti veloce fino ad ora, e tutti bussano alla porta. Vogliono portarti a pranzo. Vogliono capire cosa sta succedendo perché hanno delle strategie… Sono entusiasti, vero?

I regolamenti li trattengono in una certa misura, ma ci sono altri modi per farlo. Investono in società di tecnologia blockchain… Potrebbero prendere in considerazione l’idea di diventare un custode. Lo tengono? Ci stanno investendo? Lo scambiano? Lo cancellano?

Ogni banca ha un punto di vista diverso nelle mie conversazioni, ma la realtà è che sono impegnate e prendono i miei dati di mercato, e non sono riuscito a convincerli a farlo nel 2018… e ora un terzo di queste 35 prende dati di mercato. Quindi si stanno preparando… Quindi penso che siamo nella posizione migliore in cui siamo mai stati.

L’intervista con Jenna Wright, CEO di LMAX Digital, inizia alle 34:28 del video sopra e termina alle 55:40.

Avvertimento

Le opinioni e le opinioni espresse dall’autore, o da chiunque sia menzionato in questo articolo, sono solo a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo. Investire o scambiare criptovalute comporta il rischio di perdite finanziarie.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment