Portafogli

Voto dell’UE sulla sorveglianza delle transazioni in criptovaluta

Il Parlamento europeo si sta muovendo verso una forte supervisione dei portafogli self-hosted

Come promemoria, i portafogli self-hosted lo sono quelli che non dipendono da un’entità centralizzata detenere criptovalute. Possiamo mettere in questa categoria i “portafogli hardware”, come quelli offerti da Ledger, così come tutti quelli dove l’utente ha la sua chiave privata.

Questi portafogli sono logicamente poco monitorati, a differenza di un portafoglio offerto da una piattaforma di scambio. Questo non è gradito a certi legislatori europei, che lo desiderano dai un’occhiata alle criptovalute che passano attraverso questi mezzi.

All’inizio della settimana vi abbiamo spiegato che la votazione su un emendamento su questo argomento era stata pianificata dalla Commissione ECON. Prevedeva due misure forti:

  • Raccolta di informazioni sui trasferimenti di criptovaluta da parte di servizi regolamentatiqualunque sia l’importo
  • Monitoraggio dei portafogli self-hosted, con piattaforme regolamentate che sarebbero necessarie per raccogliere informazioni sulla natura dei trasferimenti e dei titolari dei fondi

Contrariamente a quanto abbiamo letto qua e là, quindi non lo è non un divieto di portafogli self-hostedma in realtà ciò renderebbe estremamente complicato il lavoro delle aziende. Questo ovviamente solleva interrogativi di fattibilità: come monitorare tali transazioni, su larga scala? E soprattutto, perché l’Unione Europea dovrebbe concedersi il diritto di monitorare così da vicino i portafogli digitali, quando non lo fa per altri tipi di transazioni?

👉 Per andare oltre – Contrariamente a quanto si crede, Bitcoin NON è anonimo…

Il monitoraggio delle criptovalute in corso

Il voto è stato convalidato ieri in commissione, quindi questo è un primo passo verso un maggiore monitoraggio. Come sappiamo, le criptovalute sono generalmente già tracciabili, le transazioni vengono registrate spesso in registri pubblici. Questo tipo di misura sarebbe quindi un notevole ostacolo alla fluidità dei trasferimentis, e pone grossi problemi logistici.

La speranza per l’ecosistema è che questo voto non sia affatto definitivo. L’emendamento deve essere esaminato e discusso da diversi organi dell’Unione Europea. La proposta sarà nuovamente messa sul tavolo a metà aprile, con una discussione che vedrà la partecipazione del Parlamento europeo, della Commissione europea e del Consiglio d’Europa.

Questa fase dovrebbe durare alcune settimane e consentirà di apportare modifiche alla proposta. Nulla è quindi scolpito nella pietra per il momento, ma il voto ha dimostrato il desiderio di andare nella direzione del monitoraggio :

Tutto quindi si deciderà nelle settimane a venire, e vedremo se verranno apportate modifiche riguardo a questo progetto.

👉 Maggiori info sull’argomento – Unione Europea: tutte le transazioni in criptovaluta presto monitorate?

L’ecosistema delle criptovalute in pericolo?

Come accennato in precedenza, questa proposta non pone solo problemi etici. Se venisse convalidato, sarebbe un freno tale per le piattaforme di scambio che il più piccolo potrebbe benissimo decidere non consentono più trasferimenti a portafogli self-hosted. Per altri, come Binance o Coinbase, ciò aumenterebbe drasticamente i costi di elaborazione:

Significa anche identificare informazioni come nomi, indirizzi o altri dati sensibili dei detentori di criptovaluta sarebbero collegati ai loro indirizzi di portafoglio e tutte le loro transazioni sulla blockchain.

L’industria delle criptovalute si sta attualmente mobilitando per esprimere le sue preoccupazioni al riguardo. La misura non solo è contraria agli ideali difesi dall’ecosistema, avrebbe potuto notevoli conseguenze sul suo sviluppo a lungo termine. Monitoreremo quindi da vicino gli sviluppi e le prossime date chiave che ci daranno maggiori indicazioni sul futuro delle criptovalute in Europa.

👉Leggi anche – Divieto di mining in Europa: cosa dice davvero il regolamento MiCA?

Newsletter 🍞

Ricevi un riepilogo delle notizie sulle criptovalute ogni domenica 👌 E il gioco è fatto.

Cosa devi sapere sui link di affiliazione. Questa pagina presenta asset, prodotti o servizi relativi agli investimenti. Alcuni link in questo articolo sono affiliati. Ciò significa che se acquisti un prodotto o ti registri su un sito da questo articolo, il nostro partner ci paga una commissione. Questo ci consente di continuare a offrirti contenuti originali e utili. Non c’è alcun impatto su di te e puoi persino ottenere un bonus utilizzando i nostri link.

Gli investimenti in criptovalute sono rischiosi. Cryptoast non è responsabile per la qualità dei prodotti o servizi presentati in questa pagina e non può essere ritenuta responsabile, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati a seguito dell’uso di un bene o servizio evidenziato in questo articolo. Gli investimenti relativi alle criptovalute sono di natura rischiosa, i lettori dovrebbero fare le proprie ricerche prima di intraprendere qualsiasi azione e investire solo nei limiti delle proprie capacità finanziarie. Questo articolo non costituisce un consiglio di investimento.

Circa l’autore : Marine Debelloir

twitter-indovinodatatwitter-indovinodata

Vicedirettore di Cryptoast, sono caduto nel piatto delle criptovalute qualche anno fa. Sono appassionato delle tecnologie innovative che derivano dalla blockchain e mi piace trovare le informazioni più croccanti da condividere con te.
Tutti gli articoli di Marine Debelloir.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment