Vestiti

Un’uniforme scolastica dal 2022 al 2023?

30 marzo 2022

Scuola Secondaria Bernard-Gariepy

Un’uniforme scolastica dal 2022 al 2023?

Di: Alexandre Brouillard

Gli studenti della scuola secondaria Bernard-Gariépy (ÉSBG) potrebbero indossare un’uniforme non appena inizia il prossimo anno scolastico, mentre il 57% dei genitori e dei membri del personale intervistati all’inizio di marzo dal consiglio di amministrazione concorda con l’idea di cambiare il codice di abbigliamento.

Questo risultato, tuttavia, non garantisce che il consiglio di amministrazione approvi una delibera per modificare il codice di abbigliamento di GBSS.

“Il consiglio di amministrazione dovrebbe prendere una decisione il 12 aprile”, ha affermato Laurence Cournoyer, direttore dei servizi di segreteria generale e comunicazioni del Centre de services scolaire (CSS) de Sorel-Tracy.

Su 769 partecipanti al sondaggio, 440 persone (57%) hanno votato a favore dell’implementazione di un’uniforme. Al contrario, 329 persone (43%) hanno votato contro l’idea di apportare modifiche al codice di abbigliamento.

Il consiglio di amministrazione ha scelto di non intervistare gli studenti, considerando che i genitori avrebbero consultato in anticipo i loro figli. “Sono i genitori che vivono con la responsabilità dell’abbigliamento”, spiega la signora Cournoyer. L’idea era di rafforzare la discussione familiare piuttosto che quella tra la scuola e gli studenti. »

Per il momento, nessuna scuola CSS de Sorel-Tracy impone una divisa. Per fare questo, il consiglio di amministrazione di una scuola deve sollevare l’idea se vuole cambiare il codice di abbigliamento. “Ad esempio, forse i passaggi del consiglio scolastico di ESBG daranno l’idea a quello di Fernand-Lefebvre di fare lo stesso”, afferma Laurence Cournoyer.

Diverse ragioni citate

Il consiglio scolastico ha menzionato diversi motivi per imporre un’uniforme. “Siamo in una zona svantaggiata, quindi i costi legati all’abbigliamento possono essere un problema per alcune famiglie. Inoltre, l’indice di deprivazione può essere visto nei vestiti. Vogliamo quindi evitare la distinzione fisica in relazione all’abbigliamento”, spiega.

Inoltre, mentre alcuni studenti sono “creativi nel sovvertire il codice di abbigliamento”, il personale ESBG deve essere sempre vigile per farlo rispettare. La divisa permetterebbe così di ridurre il numero di interventi da parte del personale con gli studenti che si discostano dal dress code.

Quindi, l’imposizione di un’uniforme rafforzerebbe la sicurezza degli studenti. “Sarebbe più facile identificare le persone che entrano nell’edificio. Non abbiamo avuto eventi deplorevoli, ma è più sicuro in un edificio frequentato da giovani”, afferma il Direttore della Segreteria Generale Servizi e Comunicazioni, aggiungendo che la divisa potrebbe anche creare un senso di appartenenza tra gli studenti in relazione alla loro scuola.

Rispetta la diversità e le scelte degli studenti

Per quanto riguarda le caratteristiche che l’uniforme potrebbe avere, Laurence Cournoyer indica che è ancora troppo presto per conoscerne i dettagli. “Dobbiamo aspettare la decisione del consiglio scolastico”, dice.

Tuttavia, assicura che i colori rispettino l’essenza della scuola e il CSS di Sorel-Tracy.

A proposito del tipo di abbigliamento che gli studenti dovranno indossare, Laurence Cournoyer risponde che “agli studenti sarà data la libertà di decidere tra gonna e pantaloni. Soprattutto nel nostro tempo in cui i giovani si identificano molto con i vestiti e sono consapevoli delle differenze di genere”.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment