Portafogli

$ 540 milioni di “Bitcoin addormentati” dal trasferimento del 2014 – BTC forse collegato al furto di criptovalute

Il 29 marzo, gli analizzatori blockchain hanno catturato una sequenza di 11 transazioni per un totale di 11.325 bitcoin passando da wallet sconosciuti creati nel 2014 a un gran numero di indirizzi di destinatari. Inoltre, la scorta di bitcoin del valore di $ 540 milioni oggi potrebbe essere collegata al furto di Cryptsy, secondo l’analisi della catena.

11.325 Bitcoin lasciano indirizzi dormienti nel 2014, le risorse potrebbero essere collegate al furto di criptovalute

Molti bitcoin dei wallet creati nel 2014 sono stati spostati martedì e i fondi potrebbero essere collegati al furto di Cryptsy. L’ormai defunto scambio di criptovalute gestito da Paul Vernon ha perso milioni di dollari in risorse digitali anni fa, alla fine del 2015.

Più di recente, alla fine di gennaio 2022, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha annunciato di aver incriminato Vernon per presunto furto di oltre 1 milione di dollari dai portafogli di valuta digitale. Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che Vernon, altrimenti noto come “Big Vern”, ha rubato conti tra maggio 2013 e maggio 2015 e ha proceduto a depositare i fondi rubati sul proprio conto bancario.

$ 540 milioni in
Paul Vernon intervistato dal Miami New Times prima della sua scomparsa.

I fondi movimentati il ​​29 marzo 2022 provengono da wallet BTC creati il ​​29 luglio 2014. Gli 11.325 bitcoin sono stati elaborati ad altezza blocco 729.587 e l’azione è stata rilevata da Btcparser.com, e allerta balena. “L’enorme quantità di dormienti attivato [bitcoin] negli articoli precedenti sono probabilmente correlati all’hacking/furto di Cryptsy”, Whale Alert twittato Martedì. L’analisi on-chain mostra inoltre che gli 11.325 bitcoin potrebbero provenire da Cryptsy, anche secondo l’aggregazione di dati oxt.me.

Cresce la speculazione sulla preclusione della Fed, dove si trova il “Big Vern” ancora sconosciuto

La scorta di bitcoin è inattiva da oltre sette anni e alcune persone sospettare le criptovalute potrebbero essere nelle mani del governo degli Stati Uniti. La speculazione deriva dalle recenti monete hackerate Bitfinex che sono state spostate quest’anno, insieme alla coincidenza e recente accusa del DOJ di “Big Vern”. Tuttavia, a differenza delle monete hackerate Bitfinex che si sono fuse in un unico indirizzo, i trasferimenti elaborati a un’altezza del blocco 729.587 sono stati inviati a un’ampia gamma di indirizzi.

$ 540 milioni in
L’indirizzo bitcoin 1LwZYCt8dDhZDMd6uXGMwVsmWPXW9eX9Ww mostrato sopra è uno degli indirizzi nella riserva di 11.325 bitcoin spostata il 29 marzo 2022.

Ad esempio, questo account ha inviato 1.000 BTC a 59 destinatari diversi. Questo indirizzo ha inviato 1.325 BTC a 78 indirizzi di destinatari martedì pomeriggio intorno alle 18:30 (UTC). Al momento del trasferimento, gli 11.325 bitcoin valevano 540 milioni di dollari utilizzando gli attuali tassi di cambio BTC. Anche se il Dipartimento di Giustizia ha incriminato Vernon, l’ex CEO di Cryptsy è ancora latitante e non si sa dove si trovi.

Nel 2016, il Miami New Times ha pubblicato un rapporto investigativo secondo cui Vernon e la sua ragazza si erano recati in Cina. Questo era secondo la moglie di Vernon all’epoca e, in seguito a questo rapporto, Vernon avrebbe parlato con il Miami New Times in un’intervista esclusiva. Secondo “Big Vern” prima della presunta intervista, 13.000 bitcoin sono stati rubati dall’exchange. Lo scambio ha anche affermato di aver perso anche 300.000 Litecoin (LTC).

“Abbiamo chiuso il sito Web e dichiarato fallimento, consentendo agli utenti di presentare reclami attraverso la procedura fallimentare e lasciando che il tribunale effettui gli esborsi”, si leggeva all’epoca nell’annuncio di Cryptsy. “Oppure, qualcun altro entra per acquistare ed eseguire Cryptsy mentre effettua i prelievi richiesti.”

Nessuna delle suddette promesse è andata a buon fine e gli 11.325 bitcoin che sono stati spostati martedì pomeriggio potrebbero essere collegati ai 13.000 BTC rubati ai clienti di Cryptsy.

Parole chiave in questa storia

$ 540 milioni, 11325 bitcoin, 2014, 300000 litecoin, Big Vern, Cryptsy bitcoin, bitcoin move, Bitfinex hack coin, Cryptsy, Cryptsy bitcoin, Cryptsy CEO, indirizzo dormiente, bitcoin inattivo, Miami New Times, Paul Vernon, bitcoin dormiente, Vernon, La moglie di Vernon

Cosa ne pensate degli 11.325 bitcoin eventualmente legati al furto dell’exchange Cryptsy? Facci sapere cosa ne pensi di questo argomento nella sezione commenti qui sotto.

2Khomer

Jamie Redman

Jamie Redman è il News Manager di Bitcoin.com News e un giornalista fintech che vive in Florida. Redman è un membro attivo della comunità delle criptovalute dal 2011. È appassionato di Bitcoin, codice open source e applicazioni decentralizzate. Da settembre 2015, Redman ha scritto oltre 5.000 articoli per Bitcoin.com News sui protocolli dirompenti che emergono oggi.




Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons, Miami New Times 2016,

Avvertimento: Questo articolo è solo a scopo informativo. Questa non è un’offerta diretta o la sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, o una raccomandazione o approvazione di qualsiasi prodotto, servizio o azienda. Bitcoin.com non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscali, legali o contabili. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati o che si presume siano causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment