Vestiti

Una Coop unica in Quebec

SHAWINIGAN. Le cooperative per insegnare le basi dell’imprenditorialità stanno diventando sempre più popolari nelle scuole del Quebec. Il concetto di vendere abbigliamento con i colori della scuola o della squadra sportiva è diffuso, ma è unico vedere che gli studenti disegnano l’abbigliamento. È il caso degli studenti del 6° anno della scuola primaria Phénix nel settore Grand-Mère.

All’inizio dell’anno scolastico, tutto il personale dell’École des Phénix indossava da due anni magliette con il nuovo nome della scuola per accentuare il senso di appartenenza degli studenti. È stata un’iniziativa delle insegnanti Caroline Milette e Valérie Durocher.

“Abbiamo ricevuto commenti da giovani che vorrebbero averne anche alcuni. Da lì è nata l’idea della cooperativa Phénigrafix dove i giovani potevano disegnare la collezione di abbigliamento”, spiega l’insegnante Valérie Durocher.

I 30 studenti del sesto anno della scuola hanno intrapreso l’avventura della cooperativa. “Volevano farlo, quindi abbiamo avviato un progetto imprenditoriale, ma non come le altre scuole che hanno la raccolta dei vestiti fatta da un fornitore. Noi, qui si fa tutto”, esprime con orgoglio la signora Valérie.

Il capo arriva dal fornitore, ma il taglio del vinile per i loghi lo fanno i giovani, che poi attaccano il logo sulla maglia, e lo consegnano ai clienti. Gli abiti sono destinati a tutti gli alunni della scuola che vogliono riceverli, ma anche ai membri della famiglia.

Lo scorso novembre sono state effettuate le prime vendite e, al momento in cui scriviamo, sono stati venduti ben 350 articoli. Naturalmente, le materie scolastiche vengono insegnate con il progetto.

Qual è l’oggetto più popolare? “Felpe di cotone”, risponde di colpo il segretario del consiglio di amministrazione, Mika-Ève Lavergne.

Oltre al consiglio di amministrazione, la cooperativa ha un responsabile della produzione, un responsabile marketing, un responsabile contabile e un responsabile delle risorse umane. “I giovani non hanno nemmeno più bisogno di noi, sono resi indipendenti”, aggiunge l’insegnante Caroline Milette.

La cooperativa iniziò persino a realizzare abiti per altre scuole, come la squadra sportiva dei Pioneers.

Come ogni buon affare, ci sarà un reddito. “Con il reddito, andremo a La Ronde per le due classi di prima media ei nostri genitori non dovranno pagare”, spiega Natael Gignac, vicepresidente di Phénigrafix.

“È davvero divertente imparare con la cooperativa. È più accattivante che ascoltare l’insegnante parlare in prima persona”, dice Natael.

“Ho imparato molto a livello di computer, non ero bravo e ora uso Excel per inserire i dati nel computer”, afferma Mika-Ève.

“Abbiamo sviluppato spirito di squadra, leadership, senso di responsabilità e autonomia. Come presidente, devo parlare alle assemblee generali. La prima volta è stressante, ma ora ci sono più abituato, quindi lo trovo divertente”, aggiunge il presidente Antonin Pichette.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment