Portafogli

Le obbligazioni diversificate possono fornire una copertura contro la volatilità

Gli investitori potrebbero anche prendere in considerazione alternative stabili alle obbligazioni. (Foto: La stampa canadese)

Anche se i mercati obbligazionari hanno avuto una serie più difficile prima che la Bank of Canada annunciasse un aumento dei tassi di interesse la scorsa settimana, i consulenti finanziari avvertono che è ancora importante avere delle coperture nel proprio portafoglio per bilanciare i rischi di possedere azioni.

“C’è un’ottima ragione per avere una certa esposizione obbligazionaria in un portafoglio ben bilanciato e ben diversificato”, afferma Steve Locke, responsabile del reddito fisso di Mackenzie Investments.

“La ragione di ciò è che il mercato obbligazionario di alta qualità e i mercati dei titoli di stato nei paesi sviluppati fungono da cuscinetto contro la volatilità”.

La volatilità del mercato, già in aumento in previsione del rialzo dei tassi, è aumentata dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha creato incertezza e spinto al rialzo i prezzi del petrolio e delle materie prime.

Ma mentre il conflitto ha reso un po’ meno chiaro il percorso dell’aumento dei tassi, le obbligazioni a lungo termine rimangono difficili da mantenere, poiché quando i tassi di interesse aumentano, o dovrebbero aumentare, le obbligazioni esistenti a tassi più alti bassi sono meno attraenti, il che abbassa il loro prezzo .

Per mantenere l’esposizione alle obbligazioni riducendo al minimo le perdite, Steve Locke consiglia agli investitori di rivolgersi a opzioni obbligazionarie, che rispondono meglio alle pressioni inflazionistiche e all’aumento dei tassi di interesse.

“Gli investitori dovrebbero pensare alla diversità nei loro portafogli obbligazionari. Avere una certa esposizione ai tassi variabili, avere un’esposizione protetta dall’inflazione nel mercato obbligazionario e detenere prodotti obbligazionari tradizionali di alta qualità”, afferma.

Le obbligazioni a tasso variabile reagiscono alle variazioni dei tassi di interesse, mentre le obbligazioni indicizzate all’inflazione, come le obbligazioni a rendimento reale in Canada oi titoli del Tesoro protetti dall’inflazione negli Stati Uniti, reagiscono all’aumento dei prezzi.

Altre opzioni più stabili

Gli investitori potrebbero anche prendere in considerazione alternative stabili alle obbligazioni, come prodotti di reddito da debito come prestiti a tasso variabile o credito privato per compensare la volatilità, suggerisce. Ci sono opzioni crescenti per il credito privato, incluso un nuovo fondo lanciato da Mackenzie a gennaio per fornire un migliore accesso al mercato.

I certificati di investimento garantiti sono anche un veicolo prevedibile per immagazzinare denaro, ma Locke sottolinea che i GIC sono più prodotti di risparmio che non offrono molta copertura contro i mercati azionari.

“Il prezzo dei GIC non si adegua, mentre il prezzo delle obbligazioni tradizionali, o dei mercati obbligazionari di alta qualità, si adegua quando le azioni sono corrette”.

I GIC potrebbero diventare più interessanti con l’aumento dei tassi di interesse, ma le banche centrali potrebbero impiegare del tempo per aumentare i tassi e le banche canadesi potrebbero ritardare l’adeguamento a tali tassi più elevati per settimane o addirittura anni, mese”, ha affermato Tina Tehranchian, Certified Financial Planner di Assante Capital Management .

Ha detto che quando si tratta di obbligazioni, gli investitori dovrebbero concentrarsi maggiormente sulle obbligazioni a breve termine perché maggiore è la durata, maggiore è la penalità all’aumento dei tassi di interesse. Termini più brevi si traducono in rendimenti più bassi, ma probabilmente ne vale la pena visti i rendimenti negativi più elevati attualmente sulle opzioni a lungo termine.

“Meglio accontentarsi di tassi di rendimento più modesti e di conservazione del capitale”.

Per i canadesi più anziani, Tehranchian suggerisce anche di considerare le rendite vitalizie, che sono cadute in disgrazia a causa dei bassi tassi di interesse ma offrono vantaggi fiscali rispetto ad altri tipi di investimenti.

“Le rendite vitalizie possono essere una fonte di reddito molto interessante per i pensionati”.

Per coloro che cercano di generare reddito, suggerisce azioni consolidate che pagano dividendi e opzioni di investimento immobiliare per compensare l’inflazione e la volatilità.

Nel complesso, dato tutto ciò che sta accadendo nei mercati e nel mondo, ritiene che sia un buon momento per rivedere la sua esposizione al rischio e il suo equilibrio patrimoniale.

“È sicuramente un buon momento per rivalutare i portafogli, non solo in termini di esposizione obbligazionaria, che ne è una componente, ma anche per il tipo di azioni che detieni”.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment