Borse

Il CHRU di Nancy utilizza ottimi mezzi per riuscire a reclutare personale

Il Nancy CHRU ha bisogno di reclutare personale e farlo sapere! I manifesti sono installati in vari siti dell’ospedale, sui veicoli di servizio e migliaia di sacchi per il pane sono stati distribuiti in 50 panifici del dipartimento e persino nei Vosgi. L’obiettivo, far sapere alle persone che c’è lavoro al Nancy CHRU, che tu sia un caregiver o meno. Dei 150 posti da ricoprire, 120 riguardano malgrado tutto gli operatori sanitari. La CHRU impiega circa 10.000 persone.

Sulla facciata dell’ospedale centrale, uno striscione verde con la scritta: “l’ospedale pubblico ha bisogno di te, unisciti a noi“. Il CHRU sta lottando per reclutare e questo non è nuovo per Jérome Malfroy, capo del dipartimento risorse umane e affari sociali: “le tensioni che incontriamo sulle funzioni infermieristiche, le incontravamo già prima del periodo Covid. Siamo stati in grado di superare queste difficoltà riorientando le nostre diverse attività al fine di prenderci cura dei pazienti che si sono presentati per Covid.“.

Trasferimenti interni ritardati per mancanza di sostituzioni

Non formiamo abbastanza professionisti sanitari per soddisfare i bisogni. Conseguenza: tanti posti vacanti e fatica che si accumula per Laura Arnould, infermiera in neurochirurgia: “ci viene costantemente ricordato di venire a sostituire. Abbiamo un’applicazione che ti permette di vedere tutte le sostituzioni e ogni giorno ce ne sono una decina. Improvvisamente, pesa sui team perché siamo meno personale, quindi possiamo dedicare meno tempo con i pazienti“. Un’altra difficoltà, questa infermiera non può recarsi nel reparto dove ha comunque ottenuto il trasferimentomancanza di sostituzione: “in attesa che ci sia personale a sostituirmi rimango al mio vecchio incarico, aspettiamo le prossime assunzioni di luglio per riempirmi e permettermi di evolvere e cambiare reparti“. Situazioni che possono andare avanti per sempre, alcune possono aspettare fino a un anno.

Il Nancy CHRU comunica le sue esigenze di reclutamento.  Ci sono 150 posti vacanti di cui 120 badanti
Il Nancy CHRU comunica le sue esigenze di reclutamento. Ci sono 150 posti vacanti di cui 120 badanti © Radio Francia
Cedric Lieto

L’interesse di questa campagna di comunicazione è anche quello raggiungere candidati al di fuori del personale sanitarioper Jérôme Malfroy, capo del dipartimento delle risorse umane e degli affari sociali: “ci sono più di 200 professioni in ospedale e non sono sicuro che tutti lo sappiano. Per alcuni pubblici, in particolare per le professioni tecniche, è difficile raccogliere domande perché spontaneamente la gente non pensa all’ospedale“. La CHRU che per le professioni tecniche cerca di offrire formazione lavoro-studio o di accogliere stagisti durante gli studi.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment