Portafogli

Uno scenario “anti-riccioli d’oro” | tutte le notizie

Approfondimenti chiave dalle prospettive cicliche di PIMCO.

L’invasione russa dell’Ucraina, l’imposizione di sanzioni e le fluttuazioni nei mercati delle materie prime hanno aggiunto uno strato di incertezza ancora più fitto a prospettive economiche e finanziarie che erano già incerte prima dell’inizio di questa orribile guerra.

Nell’edizione di marzo 2022 del nostro Economic Outlook, intitolata “Anti-Goldilocks”, esaminiamo l’ampia gamma di possibili scenari e il potenziale di non linearità e bruschi cambiamenti di regime nell’economia e nei mercati finanziari. Questo post sul blog riassume il nostro punto di vista.

Prospettive economiche: un contesto radicalmente incerto

Nonostante le numerose incognite, traiamo cinque conclusioni principali in merito alle prospettive cicliche a 6 o 12 mesi che riteniamo più rilevanti per gli investitori in questa fase. Condividiamo qui tre conclusioni. Leggi il documento completo per gli altri.

1) Uno scenario economico “anti-riccioli d’oro”. – L’economia globale ei responsabili politici stanno affrontando uno shock stagflazionistico dell’offerta che è negativo per la crescita e che tenderà a spingere l’inflazione al rialzo. È vero che questa economia “Anti-Goldilocks”, ovvero sia troppo calda in termini di inflazione che troppo fredda in termini di crescita, non fa parte del nostro scenario di base preliminare, che prevede ancora una crescita superiore alla media e un graduale allentamento delle pressioni inflazionistiche da i picchi raggiunti in tutte le economie sviluppate. Tuttavia, i rischi di una maggiore inflazione e di una crescita più debole, o addirittura di una recessione, sono aumentati.

2) Sono più probabili reazioni non lineari in termini di crescita e inflazione – Le prospettive di crescita e inflazione sono offuscate da potenziali non linearità legate a condizioni iniziali già fragili. Le interruzioni della catena di approvvigionamento erano già diffuse a causa del COVID-19, pesando sulla produzione e facendo aumentare costi e prezzi in molti settori. La guerra della Russia in Ucraina e le conseguenti sanzioni hanno portato a ulteriori interruzioni. Inoltre, è probabile che i recenti blocchi legati al COVID in alcune parti della Cina creino nuovi colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento globale.

3) Uno shock asimmetrico porterà a una maggiore divergenza – La guerra in Ucraina porterà probabilmente a una maggiore dispersione dei risultati economici e inflazionistici tra paesi e regioni. L’Europa sarà la più colpita, mentre l’economia americana sembra relativamente isolata dagli effetti diretti della guerra in Ucraina. La Cina e la maggior parte delle altre economie asiatiche hanno legami commerciali meno diretti con la Russia, ma saranno probabilmente danneggiate dall’aumento dei prezzi dell’energia e dal rallentamento della crescita in Europa. Nei mercati emergenti, gli esportatori di materie prime dovrebbero trarre vantaggio, sebbene l’aumento dei prezzi delle materie prime tenderà ad aggiungersi alle già elevate pressioni inflazionistiche nella maggior parte di queste economie.

Implicazioni sugli investimenti

In questo contesto difficile e incerto, un elemento chiave della nostra strategia di investimento sarà quello di enfatizzare la flessibilità e la liquidità del portafoglio per reagire agli eventi e sfruttare le possibili opportunità.

Durata

Prevediamo di sottoponderare leggermente la duration dati i livelli attuali, l’aumento dei rischi di inflazione e la prospettiva di un ulteriore inasprimento della banca centrale. Prevediamo di ridurre le posizioni sulla curva dei rendimenti poiché è in corso l’ampio ciclo di stretta globale. Continuiamo a considerare i Treasury Inflation-Protected Securities (TIPS) statunitensi come un modo ragionevole per mitigare i rischi di inflazione al rialzo.

Credito

Il posizionamento del credito nei portafogli dovrebbe concentrarsi su resilienza, liquidità e conservazione del capitale per un’ampia gamma di scenari. Cercheremo di sottopesare il credito aziendale generico poiché riteniamo che diverse aree del mercato dei prodotti cartolarizzati offrano una migliore qualità del credito o alternative più lontane dal rischio di insolvenza rispetto al credito aziendale. Nell’ambito del credito aziendale, prevediamo di continuare a privilegiare il debito finanziario senior. Geograficamente, è probabile che continueremo a privilegiare gli Stati Uniti rispetto all’Europa e ai mercati emergenti.

Valute e mercati emergenti

Per quanto riguarda le valute, nei portafogli in cui queste posizioni di rischio sono in linea con le linee guida e le aspettative dei nostri clienti, prevediamo di sovrappesare alcune valute del G10 e dei mercati emergenti rispetto al dollaro USA e all’euro, ponendo l’accento sulla beta delle materie prime e sulle valutazioni convenienti. Manterremo queste posizioni a un livello relativamente basso nell’attuale contesto incerto. Per quanto riguarda i paesi emergenti, più in generale, prevediamo un’esposizione limitata ma continuiamo a ricercare opportunità interessanti in questo difficile contesto.

Materiali grezzi

Data l’importanza dell’energia nei costi di produzione di altre materie prime, l’impatto degli eventi in Ucraina sull’inflazione generale potrebbe portare a un aumento significativo dei prezzi, poiché gli acquirenti di materie prime cercano di ridurre la loro dipendenza dalle esportazioni russe. Con gli indici delle materie prime che mostrano un carry positivo a livelli raramente osservati, riteniamo che anche le materie prime possano svolgere un ruolo nell’attenuazione dei rischi di inflazione al rialzo.

Azioni

Prevediamo di essere sostanzialmente neutrali sul rischio complessivo del beta azionario nei nostri portafogli di asset allocation. Siamo ora alla fine del ciclo, con lo slancio della crescita sottostante ancora forte ma sempre più vulnerabile al rischio di ribasso. A nostro avviso, l’attuale contesto favorisce le società di alta qualità, piuttosto che quelle cicliche. I nostri portafogli di asset allocation, come i nostri portafogli a reddito fisso, tenderanno a favorire la conservazione della liquidità (“polvere secca”) per sfruttare le perturbazioni dei mercati azionari quando si verificano.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment