Portafogli

Russia: Coinbase blocca più di 25.000 wallet russi legati ad attività illegali

In una dichiarazione rilasciata lunedì, Coinbase ha affermato che si stava finalmente impegnando a rispettare le sanzioni economiche contro la Russia. Lo scambio ha sviluppato un programma di restrizioni contro i suoi utenti russi coinvolti in attività criminali.

Tula Russia 16.01.20 coinbase sullo schermo del computer tablet isolato.

Impedisci ai cattivi attori nella criptosfera di eludere le sanzioni

Mentre si era opposto con Kraken e Binance al congelamento delle criptovalute degli utenti russi, Coinbase ha appena bloccato 25.000 wallet di loro proprietà. Tuttavia, lo scambio lo ha chiarito gli indirizzi interessati utilizzavano criptovalute per scopi criminali.

Oggi, Coinbase blocca oltre 25.000 indirizzi collegati a individui o entità russe che riteniamo siano coinvolti in attività illecite, molti dei quali sono stati identificati attraverso le nostre indagini proattive. Una volta identificati questi indirizzi, li abbiamo condivisi con il governo per supportare ulteriormente l’applicazione delle sanzioni. », Specifica l’annuncio di Coinbase.

Lo scambio ha affermato che la segnalazione di questi account è stata effettuata in modo pubblico per fornire a tutti informazioni dettagliate sui dati delle transazioni tracciabili e permanenti. Una volta che le transazioni sono state registrate sulla blockchain, Coinbase è fiducioso che rimarranno immutabili, impedendo così ai malintenzionati di nascondere le informazioni per eludere il rilevamento.

Le sanzioni crittografiche contro gli oligarchi russi non servono a nulla

L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno esortato gli scambi di criptovalute a bloccare l’accesso ai mercati delle criptovalute da parte degli oligarchi russi. Temono che questi ultimi lo utilizzino per sfuggire alle sanzioni economiche contro il loro Paese. Tuttavia, i principali attori della criptosfera hanno fatto sapere che è quasi impossibile per il Paese sfruttare questa pista per diversi motivi. Il più importante è la mancanza di liquidità crittografica necessaria per effettuare una transizione su così vasta scala.

A tal fine, Coinbase ha sottolineato che la sola Banca centrale russa detiene più di 630 miliardi di dollari in attività di riserva per lo più fisse. ” Questo è maggiore della capitalizzazione di mercato totale di tutte le criptovalute tranne bitcoin e 5-10 volte il volume giornaliero totale scambiato di tutte le risorse digitali. “, ha aggiunto lo scambio. Il CEO di Coinbase Brian Armstrong ha quindi affermato che c’è poco rischio che gli oligarchi russi facciano affidamento sulle criptovalute.

Invece di una sospensione generale, Coinbase ha preferito bloccare i conti russi coinvolti in attività criminali come già previsto dalle norme antiriciclaggio. Questo approccio fa parte della volontà dello scambio di rimanere in buoni rapporti con i governi nel rispetto della legge, senza diventare strumento di censura a carico di questi ultimi.

Fonte: Finbold

Ricevi un riepilogo delle notizie nel mondo delle criptovalute iscrivendoti al nostro nuovo servizio di newsletter giornaliera e settimanale per non perderti nessuno degli essenziali Cointribune!

Ricevi un riepilogo delle notizie nel mondo delle criptovalute iscrivendoti al nostro nuovo servizio di newsletter giornaliera e settimanale per non perderti nessuno degli essenziali Cointribune!

Immagine dell'utente

Luc José Adjinacou

Lungi dall’aver smorzato il mio entusiasmo, un investimento fallito nel 2017 su alcune criptovalute non ha fatto che aumentare il mio entusiasmo. Ho quindi deciso di studiare e comprendere la blockchain e i suoi molteplici usi e di trasmettere con la mia penna le informazioni relative a questo ecosistema.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment