Moda

Tremcar in modalità espansione per il suo 60° anniversario

Tremcar, azienda produttrice di rimorchi e cisterne, con sede a Saint-Jean-sur-Richelieu, è stata fondata nel 1962. Sessant’anni dopo, l’azienda continua a crescere. Quest’estate verranno effettuati ampliamenti nei suoi stabilimenti di Saint-Césaire e London, Ontario, mentre un nuovo stabilimento sarà costruito a Granby nel 2023.

Tremcar è stata fondata da Aldé e Léo Tougas. Nel 1962, l’azienda si chiamava A & L Tougas e si trovava in rue Tougas, a Iberville. All’epoca si specializzava nella produzione di autocisterne per il trasporto del latte tra allevamenti e caseifici.

“La fondazione dell’azienda arriva con il cambiamento nel trasporto del latte. Prima, il latte veniva trasportato in cannisse. È diventato il trasporto in cisterna. Il latte ha creato una nuova domanda di carri armati”, spiega Daniel Tremblay, presidente di Tremcar.

Se Tremcar nasce per progettare cisterne per il trasporto di latticini, oggi le sue cisterne trasportano petrolio, liquidi alimentari (latte, succhi, acqua, sciroppo, birra, vino, olio vegetale, ecc.), materiali (farina, zucchero, polvere di cemento, calce, ecc.) e prodotti chimici.
Le sue autocisterne viaggiano sulle strade del Canada, degli Stati Uniti, ma anche della Repubblica Dominicana, del Costa Rica, di Panama, dell’Honduras, del Nicaragua e persino del Cile, in particolare. Oggi, l’azienda ha un fatturato annuo di $ 150 milioni. Ci lavorano circa 500 persone.

Storico
Nel 1987, A & L Tougas è stata acquisita da Michel Caron e Jacques Tremblay. La società, che all’epoca aveva un fatturato di circa $ 3 milioni, fu successivamente ribattezzata Tremcar. Due anni dopo, Michel Caron ha lasciato la partecipazione. Da allora, Tremcar è rimasto nella famiglia Tremblay.

Il 31 maggio 1992, il figlio di Jacques Tremblay, Daniel, entra a far parte dell’azienda. La prima acquisizione di Tremcar avvenne lo stesso anno. Ha acquisito la sua principale concorrente Technova, a Drummondville. “Ci ha permesso di crescere e specializzarci nei prodotti siderurgici. Questo ci ha permesso di aumentare la nostra esperienza nei serbatoi per il trasporto di prodotti chimici”, afferma Daniel Tremblay.

Nel 1998 Tremcar ha costruito una fabbrica a Saint-Césaire. “Abbiamo creato una filiale per produrre le nostre parti per i serbatoi progettati a Drummondville e Saint-Jean”, continua Tremblay.

stati Uniti
Quattro anni dopo, lo stabilimento di Drummondville fu chiuso. La produzione è stata trasferita a quella di Saint-Césaire. Quest’ultimo è stato anche ampliato quell’anno. Poi, nel 2004, Tremcar si è affermata negli Stati Uniti, più precisamente a Strasburgo, Ohio.

L’anno successivo, Tremcar si trasferì da rue Tougas ad avenue Montrichard, nel parco industriale di Iberville. “Abbiamo costruito una fabbrica di livello mondiale. A quel tempo, il dollaro aumentò rapidamente di valore ed era a parità. Era una lotta per la sopravvivenza. Ci siamo dati gli strumenti giusti per poter competere. Quella era la scommessa in quel momento”, dice Daniel Tremblay. Da allora, questo stabilimento è stato ampliato due volte per un totale di altri 25.000 piedi quadrati.

Nel 2006, Tremcar ha acquisito il più antico produttore di carri armati del Canada, Hutchinson Industries, con sede a Toronto. Nel 2008, l’azienda Johann ha fatto la sua prima incursione nel Canada occidentale stabilendosi a Weyburn, nel Saskatchewan meridionale.

Nel 2011 è stata effettuata un’altra acquisizione in Ontario. Quindi, l’anno successivo, Tremcar aprì un centro di riparazione a Edmonton, in Alberta. Nel 2014 ha acquistato l’attività Boston Steel nell’area di Boston, Massachusetts. E l’ultima acquisizione in corsa effettuata nel 2021 è quella del suo concorrente Citernes Bédard a Montreal. Oggi Tremcar è uno dei maggiori produttori di autocisterne del Nord America. Ha stabilimenti a Saint-Jean-sur-Richelieu, Saint-Césaire, Montreal, Londra (Ontario), Strasburgo (Ohio) e Haverhill (Massachusetts).

Prossimi progetti
La crescita di Tremcar continua. Quest’estate investirà 1,5 milioni di dollari per espandere il suo stabilimento di Saint-Césaire di 10.000 piedi quadrati. Completerà anche un’espansione di 8.000 piedi quadrati nel suo stabilimento di Londra, in Ontario. I lavori dovrebbero iniziare questa primavera. Infine, una nuova fabbrica vedrà la luce a Granby nel 2023. Daniel Tremblay indica anche di essere alla ricerca di opportunità per effettuare acquisizioni.

Sebbene il reclutamento di manodopera rimanga una sfida, anche l’inflazione e la volatilità dei prezzi delle materie prime sono tra i problemi principali, in particolare con la guerra scoppiata in Ucraina.

“Il costo del lingotto di alluminio è aumentato del 10% in una settimana. La Russia è il più grande produttore mondiale di nichel. Tutti lo boicottano. Il prezzo del nichel è quindi aumentato. Abbiamo dei supplementi sul prezzo dei metalli e questo sale molto rapidamente. È certo che alla fine della linea sarà il consumatore a pagare. Tutto ciò contribuisce ad aumentare i prezzi dei beni che consumiamo quotidianamente”, si lamenta Tremblay.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment