Concezione

Suor Véronique Kansono si è impegnata con le ragazze vittime di violenza

Suor Véronique Kansono, suora della comunità delle Suore dell’Immacolata, responsabile del centro Maria Goretti a Kaya/23 marzo 2022/ Kamboissoa Samboé/LCA

Ritratto

Suor Véronique Kansono, suora, membro delle Suore dell’Immacolata (SIC), in missione nella diocesi di Kaya, nel centro nord del Burkina Faso, si occupa di più di cento ragazze vittime di violenze di genere .

Ho avuto questa possibilità nella mia vita religiosa di entrare nella famiglia delle Suore dell’Immacolata, che sono vicine alle persone vulnerabili, sofferenti e abbandonate. “. Suor Véronique Kansonomais, membro delle Suore dell’Immacolata (SIC), ha più di quarant’anni di vita consacrata. Da diversi anni è responsabile della casa di Santa Maria Goretti, nella diocesi di Kaya, nel centro nord del Burkina Faso.

Oggi il centro accoglie 112 ragazze, vittime di violenze. ” Subiscono violenza nei loro villaggilei fa notare. Fuggono alla ricerca dei buoni samaritani e la divina provvidenza li conduce qui “dice la suora.

storie tristi

Ho accolto una ragazza legata per essere costretta a sposarsi. Per poter scappare, ha fatto finta di accettare il matrimonio e poi è fuggita per unirsi al centro lei dice. La maggior parte delle storie sono analoghe, di ragazze e donne che scappano dai mariti o dai genitori. Anche ragazze violentate che arrivano al centro di notte e che ritrova quando si sveglia. ” È una violenza che non possiamo dimenticareammette suor Véronique. Sono ragazze forti. Non sono sicuro che avrei potuto sopportare quello che hanno passato “.

Ascolta la vittima

Da diversi anni suor Véronique Kansono vede le conseguenze delle violenze subite quotidianamente dalle ragazze e dalle donne. Traumi subiscono perché sono donne e non sono protette. Il centro è stato fondato nel 1952 e suor Véronique Kansono può essere lieta del contributo del centro allo sviluppo di donne e ragazze: “ è una missione e una vocazione “.

Per riuscire in questa missione, suor Véronique Kansono si affida all’ascolto delle vittime. “Ci vogliono più volte perché la ragazza si senta sicura, lei specifica. Dobbiamo aiutarla ad accettare la situazione che sta attraversando.. Il centro contatta quindi le famiglie per negoziare l’ingresso della vittima nella casa di Santa Maria Goretti per riprendere gli studi o per formarsi nel cucito, nella tessitura, nell’acconciatura o nelle arti culinarie.

Rinuncia alla pratica

Oltre alla mediazione, suor Véronique collabora con le strutture statali per combattere la violenza contro donne e ragazze. Ma dopo diversi anni di lotta contro questi flagelli, la sorella è delusa nel vedere che queste pratiche continuano. “ È vero che ci sono cose buone nelle nostre culture. Ma ci sono anche molte cose da lasciar andarelei crede. Dobbiamo aiutare i nostri figli a raggiungere la felicità. Dovresti augurare il meglio a tuo figlio. Una volta una ragazza mi ha detto che la sua famiglia rispetta gli animali più di lei. “.

Da leggere: Burkina Faso: le missionarie delle campagne aiutano l’emancipazione finanziaria delle donne

Nonostante la sua missione sia essenziale, le difficoltà finanziarie del centro sono nondimeno numerose. ” Queste ragazze arrivano a mani vuote, perché sono scappatesottolinea suor Véronique. Non si può mai fermare una lista, arrivano sempre più numerosi dei posti previsti in centro. Devono nutrirsi, prendersi cura di se stessi, andare a scuola e hanno bisogno di assistenza psicologica”. insiste la suora che aggiunge che gli aiuti finanziari e le sponsorizzazioni sarebbero ben accetti.

All’interno del suo centro, oltre alla formazione, suor Véronique Kansono aiuta a dare ai suoi residenti informazioni sui loro diritti, speranza e acquisizione di una certa leadership femminile. Quando se ne presenta l’occasione, conduce anche attività di sensibilizzazione sul tema dei matrimoni precoci e delle violazioni dei diritti delle donne.

Kamboissoa Samboé (a Ouagadougou)

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment