Moda

Fine del telelavoro obbligatorio: ora è il momento della modalità ibrida?

Con l’allentamento di questa misura, i datori di lavoro della provincia dovranno adeguarsi ancora una volta. Per alcuni settori di attività come l’edilizia e il commercio al dettaglio, è più difficile stabilire una qualche forma di telelavoro. Tuttavia, secondo il presidente di PB Dimension RH, azienda specializzata nella gestione delle risorse umane di Rivière-du-Loup, è possibile trovare una soluzione.

“Il lavoro ibrido o il modello ibrido sta attirando l’attenzione di imprenditori e datori di lavoro, ma è anche molto richiesto dal lato dei dipendenti. Magari mantenere la possibilità di telelavoro ad hoc durante la settimana, per due o tre giorni alla settimana […] Lo consiglio vivamente. L’obiettivo sarebbe quello di offrire flessibilità diversa, orari sotto forma di rotazione”, spiega subito Paméla Bérubé.

Questo nuovo modo di lavorare ha stravolto il mondo del lavoro. Ormai è normale che i dipendenti lavorino da casa e Lepage Milwork ha capito questa nuova realtà.

“La pandemia ci ha mostrato che era uno strumento possibile e che aveva un senso. Le persone apprezzano davvero la flessibilità dell’orario che ne deriva e la mancanza di viaggi quando sono a casa. Per la gestione, ci ha aperto gli occhi su un metodo di gestione alternativo. “dice da parte sua il direttore generale dell’azienda, François-Xavier Bonneville.

Questa società di Louperivoise ha creato, lo scorso luglio, un’alternativa al lavoro in presenza che continuerà nonostante le nuove direttive del Quebec.

“Le persone hanno una scelta. Possono essere telelavoratori a tempo pieno, in loco a tempo pieno. Potrebbe esserci una modalità ibrida tra i due”, aggiunge.

Facilitare le assunzioni

Nonostante tutto, il 75% delle 70 persone che facevano telelavoro sono tornate in ufficio o hanno deciso di optare per una modalità ibrida. Con l’attuale carenza, il telelavoro può essere un argomento molto importante per questi datori di lavoro che desiderano assumere nuovi lavoratori.

“Non credo che dovremmo minimizzare questo tipo di pensiero e tutti i vantaggi che possiamo mettere in atto sono i benvenuti. Il lavoro ibrido può effettivamente essere una buona mossa per il datore di lavoro”, conclude Paméla Bérubé.

Secondo quest’ultimo, i datori di lavoro devono consultare ciascun dipendente sulle sue reali esigenze al fine di dimostrare flessibilità. Si noti che da aprile verrà offerta una formula ibrida ai dipendenti del governo, con due giorni obbligatori faccia a faccia a settimana.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment