Borse

cosa contengono gli zaini dei candidati?

DECRYPTION – Il famoso contenitore rosso è diventato uno dei simboli dello spettacolo. È parte integrante della vita dei partecipanti durante la competizione che devono gestirla abilmente.

Piccolo indovinello: cos’è il rosso, imponente e aderisce ai candidati di “Beijing Express” come una seconda pelle? Il loro zaino ovviamente! Durante tutto il gioco di avventura M6, presentato da Stéphane Rotenberg, i partecipanti non devono mai abbandonarlo, se non durante determinati eventi. Diventa così il loro bene più prezioso (ma anche il più pesante) poiché contiene tutto ciò di cui potrebbero aver bisogno.

LEGGI ANCHE – Étienne abbandona “Pékin Express”: “Non ce la facevo più psicologicamente”

Un corredo come in un campo estivo

Tre settimane prima della partenza, la produzione fornisce a ciascuno dei candidati un elenco di indumenti consigliati. Poiché questi ultimi non sanno dove stanno andando, vengono anche comunicate le temperature minime e massime che si potrebbero incontrare e che oscillavano, per questa stagione, da 0 gradi a 40! “Questo kit è realizzato in base alle condizioni meteorologiche ma anche al programmaspiega Thierry Guillaume, il produttore. Ogni sei giorni, i partecipanti hanno un giorno di riposo. Riteniamo quindi che debbano durare così a lungo prima di poter fare il bucato.. Sei mutande, due t-shirt a maniche corte e due a maniche lunghe, vestiti per la pioggia e il freddo… ognuno sceglie quello che vuole portare al ritmo di 20 chili al massimo per valigia.

“Spesso i candidati vogliono andarsene rapidamente, il che porta a sviste importanti, come ad esempio gli occhiali”

Thierry Guillaume

Al loro arrivo vengono proposti loro diversi scenari: o la produzione chiede loro di trasferire il contenuto della loro valigia nello zaino il giorno prima della partenza – che dà loro il tempo di organizzarsi – oppure di effettuare questo trasferimento davanti alle telecamere del inizio della gara, come è avvenuto quest’anno. Subito dopo essersi tolti la benda e aver scoperto le distese selvagge del Kirghizistan, metà dei partecipanti alla stagione 15 ha dovuto preparare la propria borsa e quella del proprio partner poco prima di partire in breve tempo. “Devono stare attenti perché, se riordinano male, tutto non si adatterà e quindi non hanno accesso a nulla durante le riprese. Spesso vogliono andarsene rapidamente, il che porta a sviste significative. Abbiamo avuto, ad esempio, una svista di occhiali”continua il produttore. Quest’anno, Alex, che ha preparato la sua borsa e quella di Sylvie, ha semplicemente omesso la sua borsa da toilette! Altri si sono preoccupati di non dimenticare nulla, come le sorelle monegasche che, dal canto loro, hanno scelto di portare con sé una piastra per capelli.

LEGGI ANCHE – “Beijing Express”: in che modo la produzione sceglie il cast ogni stagione?

Oggetti vietati nella borsa

Se ognuno decide cosa mettere in borsa, alcune cose sono comunque vietate dalle regole del gioco.Dispositivi collegati (i telefoni dei partecipanti vengono portati via all’inizio delle riprese) ma anche telecamere o guide turistiche non devono essere presenti in i loro zaini. La produzione si occupa di questo controllandone il contenuto prima della partenza. Sono invece tollerati un taccuino e una penna, così come qualsiasi piccolo regalo che i candidati portano per ringraziare i loro ospiti. Ma anche qui la produzione sta guardando: “Deve rimanere in quantità ragionevoli. Non accetteremo quindici orologi contraffatti da scambiare con l’autostop… Questo non deve diventare uno scambio”dice Thierry Guillaume. Dal punto di vista medico, ognuno ha un kit di pronto soccorso e il medico che accompagna le riprese conosce le cure di chi ne ha bisogno e porta i farmaci necessari.

“Ci sono diverse cose che non ti rendi conto guardando il programma: il caldo, le notti brevi, la mancanza di igiene e il peso dello zaino”

Thierry Guillaume

Ogni valigetta contenuta nella propria borsa deve rappresentare una scelta valutata dai candidati che poi si portano tutto sulle spalle. Un concetto che sembra ovvio ma non lo è necessariamente per la maggior parte dei partecipanti. “Prima di iniziare, vorrei sottolineare che ci sono diverse cose di cui non ti rendi conto quando guardi il programma in televisione: il caldo, le notti brevi, la mancanza di igiene e il peso dello zaino da cui indossano dalle 6:00 alle 22:00nota il produttore. Se quest’ultimo è fuori posto o si muove, diventa un inferno.. Un’osservazione che fecero subito le sorelle monegasche. “Passiamo un mese con una borsa super pesante sulla schiena, è casa nostra. È una difficoltà che non prendiamo in considerazione quando guardiamo il programma.spiega Sara. Sua sorella Charlotte completa: “Ho un rimpianto, non aver ottimizzato la borsa e pensato al modo migliore per portarla. Abbiamo scoperto molto tardi che c’era una cinghia che gli permetteva di essere centrato e appiattito sulla schiena…”.

LEGGI ANCHE – “Beijing Express, nella terra dell’aquila reale”: scopri i sedici candidati della stagione 15

GUARDA ANCHE – Stéphane Rotenberg: “Il mio peggior ricordo al Beijing Express è di essere accusato di spionaggio in India”

20 libbre sulla schiena

Contenente da 50 a 60 litri, lo zaino del candidato pesa in media una ventina di chili. Un dettaglio che può avere il suo peso nell’avventura. Vanessa, che la scorsa settimana ha dovuto lasciare il gioco dopo l’abbandono del compagno Étienne, non è caduta nella trappola.

“Ho preso solo il necessario e ho pesato tutto prima di partire”

Vanessa, candidata al “Beijing Express”

E per una buona ragione, questo grande viaggiatore è esperto in questo tipo di soggiorni: “Parto regolarmente per tre settimane con il mio zaino, sono abituato a portarlo… Quindi ho preso solo quello che mi serviva e ho pesato tutto prima di partire. È importante ingrassare il più possibile con capi tecnici che siano leggeri. Anche i miei pantaloni erano pantaloncini, l’obiettivo era che occupassero meno spazio possibile per tenerne un po’ per il cibo. Non ho portato nessun trucco o profumo e ho preferito i saponi solidi”. Chi non ha un naso cavo come lei, riesce a gestire e acquisire esperienza nel corso della gara. “I candidati che si fanno carico troppo in fretta si rendono conto che non hanno necessariamente bisogno di tutto e scaricano alcuni casi offrendoli alle popolazioni locali. Ogni anno vedo borse molto più leggere in finale che all’inizio.continua Thierry Guillaume.

LEGGI ANCHE – “Beijing Express”: chi sono le due incognite della stagione 15?

Furto dello zaino

A volte i capricci della corsa alleggeriscono i candidati stessi. Così, durante la quinta stagione, a una candidata è stato rubato lo zaino a Buenos Aires, in Argentina. La produzione ovviamente gliene diede un altro e comprò dei vestiti da indossare. L’anno scorso, ha anche trovato degli occhiali per Christophe (vincitore della stagione 14) quando ha perso i suoi in un lago. Tuttavia, quando un partecipante perde un capo o un sacco a pelo durante il viaggio, la produzione non li sostituisce. “È un peccato per loro. Come durante un campo estivo, mettiamo regole abbastanza rigide per limitare le sviste.dice il produttore. Inseparabile dai candidati e dal gioco del “Beijing Express”, la borsa è diventata addirittura, nel corso delle trasmissioni, un simbolo forte dello spettacolo, in particolare per il suo colore. “Ci sono pochissimi zaini rossi sul mercato. Avevamo cambiato il colore durante le stagioni 6 e 7 prendendo il nero e il grigio ma siamo tornati rapidamente al colore iniziale che corrisponde al logo dello spettacolo ed è diventato il marchio di fabbrica del programma.conclude.

» Segui tutte le notizie da Rivista televisiva su Facebook e Twitter .

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment