Portafogli

Bilancio provinciale: contribuenti, grandi perdenti?

Il ministro delle finanze del Quebec Eric Girard. (Foto: La stampa canadese)

BLOG OSPITI. Il governo del Quebec ha presentato questa settimana il suo bilancio per l’anno fiscale 2022-2023. Se Lucky Luke ha sparato più velocemente della sua ombra, sembra che i partiti di opposizione e diversi gruppi di pressione abbiano preso il suo esempio reagendo senza esitazione alle prime parole del discorso del ministro Girard.

Troppo poco nell’istruzione, non abbastanza negli alloggi sociali, i dipendenti pubblici vengono dimenticati, gli imprenditori vengono messi da parte, insomma la storia si ripete ad ogni tabella di bilancio: offriamo un buffet di spese che sembra lasciare insoddisfatti una moltitudine di gruppi.

Tuttavia, se una cosa deve essere ricordata, è che consentendo a tutti i gruppi organizzati con un interesse pecuniario in un budget di spesa di tirare fuori la coperta, i contribuenti si ritrovano sottosopra.

Mettiamo il piede sul freno

Escludendo le misure di supporto straordinarie relative al COVID-19, la spesa di portafoglio aumenterà del 4,9% nel periodo 2022-2023, raggiungendo il massimo storico di 127,8 miliardi di dollari (B$). Nel frattempo, le entrate statali aumenteranno di un misero 2,2%.

In un orizzonte di 5 anni, infatti, si stima che le spese aumenteranno del 3,4% mentre i ricavi cresceranno di appena il 2,9%. Investiresti in un’attività in cui le spese crescono costantemente a un ritmo più veloce del reddito? Io no!

In Quebec, nel corso degli anni, sembra aver preso piede un mito secondo cui gettando soldi su un problema, si risolverà come per magia. Prendiamo l’esempio del sistema sanitario provinciale. Attualmente stiamo spendendo più di $ 51 miliardi all’anno e aumenteremo questo incredibile importo a quasi $ 57 miliardi entro il 2024. E queste spese sono più che raddoppiate dal 2004. Tuttavia, poco più del 20% della popolazione non ha accesso a un medico di famiglia e il tempo medio di attesa in Quebec per accedervi è di circa 599 giorni.

Nonostante l’osservazione fattuale che immergersi di più nelle tasche dei contribuenti non risolve i problemi di finanziamento – e che dovremmo invece coinvolgere più imprenditori nella gestione dei nostri servizi pubblici – stiamo aggiungendo spese per 8,9 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni sani. E questo è solo per questo portafoglio ministeriale! Il governo ha davvero bisogno di mettere il piede sul pedale del freno e adottare una strategia a medio e lungo termine prima che la spesa superi definitivamente le entrate.

Da notare, tuttavia, gli sforzi dell’attuale ministro delle Finanze per tornare al pareggio di bilancio, nonostante i successivi aumenti di spesa. Infatti, escludendo i pagamenti al Fondo Generazioni, dovremmo trovarci in una situazione di pareggio di bilancio o di piccolo avanzo a partire dall’anno fiscale 2023-2024. Tuttavia, se un bilancio in pareggio è una buona notizia, il governo del Quebec deve cercare di aumentare la propria spesa in proporzione alle entrate per garantire la sostenibilità della crescita economica a lungo termine.

Aumentiamo le entrate in modo intelligente

Se potessimo raggiungere un bilancio in pareggio ogni anno semplicemente aumentando le tasse aziendali e personali, sarebbe un grave errore farlo. Non dimentichiamo che i tagli alle tasse per le imprese a sud del confine hanno danneggiato la nostra competitività fiscale negli ultimi anni e che i contribuenti del Quebec sono tra i più alti dell’OCSE. Vorremmo davvero rendere più costosi la produzione e la manodopera?

Invece, il governo del Quebec dovrebbe compiere maggiori sforzi per creare un quadro normativo e fiscale favorevole ad attrarre nuovi investimenti privati ​​al fine di aumentare le proprie entrate. Attirando nuovi progetti su larga scala, il Québec non solo genererà più ricadute fiscali, ma promuoverà un vigore benefico sui mercati per i consumatori.

Inoltre, i progetti di ricerca e sviluppo che aumenteranno la produttività dei lavoratori, e quindi il loro reddito e le tasse riscosse, dovrebbero essere nel mirino del governo. Basta guardare le misure in atto che sono dannose per l’arrivo di questi progetti, o per gli investimenti delle aziende già presenti in Quebec, e mirare a ridurli o eliminarli.

Purtroppo, troppo spesso proponiamo budget miopi sul piano economico, dimenticando la crescita economica di lungo periodo necessaria per migliorare il nostro tenore di vita. Se i nostri successivi governi vogliono davvero essere la voce del popolo, lasciamo che rallentino l’aumento della spesa pubblica e promuovano la crescita delle entrate in modo sano e vantaggioso. I contribuenti devono smettere di essere i grandi perdenti.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment