Vestiti

Osséja – Progetto scuola: dare una seconda vita agli abiti

Gli eco-delegati della scuola di Osséja, Raggruppamento educativo intercomunale (RPI) di Vanéra hanno realizzato un progetto “Dare una seconda vita ai vestiti”. A causa del contesto globale, è stato reindirizzato verso una causa umanitaria.

Per diversi anni, l’RPI de la Vanéra ha incluso negli assi del suo progetto diistituzione gli approcci collettivi avviati dagli eco-delegati. Qual è il ruolo dell’eco-delegato?Prima di tutto è uno studente rispettoso dell’ambiente e che renderà i compagni consapevoli delle azioni quotidiane (spegnimento delle luci, raccolta differenziata, ecc.). Ma è anche forza propositiva e portatrice di progetti“, spiega Dorothée Cegarra, direttrice della scuola Osséja. È sia copilota che ambasciatore di progetti educativi. A seguito di una campagna elettorale molto seria guidata da sei studenti di CM1/CM2 difendendo diversi progetti ecologici, la classe CM ha votato per i progetti che contano di più per loro. Sono stati eletti due eco-delegati e selezionati tre progetti. I progetti sono stati presentati dai due eco-delegati durante l’ultimo consiglio scolastico dell’RPI de la Vanéra. Louise ed Emile Barnole hanno spiegato ai funzionari eletti e ai rappresentanti dei genitori degli alunni le loro missioni, i progetti. Dopo la discussione, due progetti sono stati definitivamente mantenuti, il terzo era allo studio.

Una collezione per l’Ucraina

“Spine d’amore” è un progetto di recupero di cappucci di plastica per la realizzazione di sedie a rotelle per persone a mobilità ridotta. “Serbatoi d’acqua” Affiggere raccogliere l’acqua piovana intorno alla scuola da utilizzare per innaffiare le piante e l’orto degli studenti della scuola materna. E infine “Dare una seconda vita ai vestiti”mira a recuperare gli indumenti usati o non utilizzati per donarli a persone bisognose o per essere riciclati. Quest’ultimo progetto è cambiato a causa degli eventi che stanno scuotendo la scena mondiale. “Molto seguito è stato un invito a donazioni, lanciato con le famiglie della scuola. L’Alefpa è arrivata con un furgone per raccogliere vestiti, scarpe, coperte, attrezzature mediche per radunare i camion dell’Occitanie Ukraine Alliance. Gli eco-delegati si congratulano con tutti per l’importante mobilitazione “, ha aggiunto Mayeulle Labonne, insegnante dei Corsi di Mezzo. “La missione della scuola pubblica è quella di formare i cittadini di domani, il team docente non può che essere lieto che tali progetti siano realizzati da studenti così giovani. Siamo molto orgogliosi dell’iniziativa intrapresa e dei valori che i nostri studenti trasmettono“, ha concluso il regista.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment