Concezione

Il Padrino: uno sguardo alla concezione caotica del capolavoro di Coppola

“Il Padrino” festeggia quest’anno il suo cinquantesimo anniversario. L’opportunità per noi di tornare al complicatissimo design del capolavoro di Francis Ford Coppola.

Il Padrinoun successo inaspettato

Originariamente, Il Padrino est un romanzo di Mario Puzo che presenta la famiglia Corleone, una delle cinque famiglie criminali di New York. Seguiamo poi l’ascesa del padre Vito Corleonema anche quella di Michael, suo figlio, che alla fine si unirà ai ranghi di questa organizzazione criminale. Quando è stato pubblicato, il romanzo è stato un enorme successo. L’adattamento fu poi affidato a Francis Ford Coppola, ancora all’inizio della sua carriera.

Il regista ne ha fatto un vero capolavoro, è stato un successo al botteghino quando è stato rilasciato nel 1972. Indossato da Marlon Brando, Al Pacino o anche da James Caan, Il Padrino ha vinto tre Oscar per sette nomination. Il film è ancora oggi considerato un riferimento. Tuttavia, se il risultato è vicino alla perfezione, la produzione è stata tutt’altro che un gioco da ragazzi.

Il Padrino
Il Padrino ©Paramount

Alla fine degli anni ’60, l’industria cinematografica di hollywood non era al suo meglio. I gusti del pubblico cambiarono rapidamente e divenne difficile attrarre persone nelle sale (la televisione non aiutava). Ha così segnato il periodo peggiore per il botteghino statunitense. Allo stesso tempo, i mitici studi venivano svenduti a grandi multinazionali che cercavano soprattutto di realizzare un profitto senza dover spendere troppo. È a queste condizioni che è stata acquistata la Paramount (per soli 600.000 dollari).

Un progetto che nessuno voleva

I nuovi proprietari non avevano davvero alcuna ambizione cinematografica. Tuttavia, lo studio aveva i diritti per adattare il romanzo di Mario Puzo (ottenuto per una cifra irrisoria). Visto il successo del libro, i leader volevano che un film viene prodotto rapidamente. Ma solo per cavalcare l’onda. Perché il tema della mafia non ha funzionato con il pubblico. Un film come I Frati Siciliani (1968), con un cast bellissimo (Kirk Douglas) e buone recensioni è stato ad esempio un flop totale.

Allo stesso tempo, i giovani registi stavano tentando la fortuna a San Francisco per creare la loro società di produzione zootropio americano. Tra i fondatori c’erano George Lucas e Francis Ford Coppola. Dopo aver diretto tre film, quest’ultimo era alla ricerca di un progetto personale e non lo era per niente attratto da Il Padrinoche considerava”una specie di serie B“. Ma l’americano Zoetrope aveva bisogno di soldi, Lucas riuscì a convincerlo ad accettare il lavoro.

Il Padrino
Il Padrino ©Paramount

Alla fine, né lo studio né Coppola hanno creduto in questo film. Il regista ha quindi imposto una condizione per farlo, quello Il Padrino non essere”non un film sulla criminalità organizzata. Ma una cronaca familiare e una metafora del capitalismo in AmericaNon abbastanza per rassicurare i vertici della Paramount per i quali l’unica qualità di Coppola erano le sue origini italiane – cosa che non era il caso dei registi dei precedenti film di gangster che ne avevano fatto un forno.

La scena che ha salvato Coppola

Il progetto è iniziato comunque e Coppola ha iniziato concentrandosi sul tema della “successione”. Quella di don Corleone con i suoi tre figli. Ha poi dovuto lottare per l’assunzione di Marlon Brando e Al Pacino. e tutte le sue proposte furono contestate da manager interessati solo a tagliare i costi. Il regista è così impegnato in una lotta incessante. Era pari sul punto di perdere la battaglia, e quindi il suo posto.

In effetti, i suoi capi sono stati offesi dalla fretta del film che non corrispondeva affatto a ciò che immaginavano. Un regista era già pronto a subentrare. Ma grazie a una scenata, Coppola è riuscito a salvarsi la testa. Questo è la sequenza del ristorante dove Michael spara a Sollozzo e McCluskey:

Grazie a questa scena, i dirigenti della Paramount hanno finalmente iniziato a farlo cambia idea su Coppola e Il Padrino. Le riprese sono potute continuare in condizioni migliori e il regista è andato alla fine delle sue idee. Una buona cosa dal momento che il film è stato un incredibile successo nella sua prima settimana. Ha segnato le menti degli spettatori e delle persone nella professione.

Il film avrebbe ceduto volere Spielberg rinunciare. Il regista considerando che non avrebbe mai potuto raggiungere un livello del genere. Infine, per molti, la cultura italiana di Coppola è stata determinante per il successo del film. Perché mostra soprattutto, con profondo realismo, una famiglia italiana. La mafia è un elemento secondario. In questo Il Padrino è un dramma familiare che permette a tutti di orientarsi.

Questa concezione caotica del film viene raccontata come un bonus del cofanetto Il Padrino 50° anniversariodisponibile in Limited Collector’s Edition, cofanetto Blu-ray+ 4k e cofanetto Blu-ray singolo.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment