Portafogli

Che cos’è un NFT e dovrei esserne interessato?

A differenza di altre risorse digitali come i token di criptovaluta, i token non fungibili sono unici e non intercambiabili. (Foto: 123RF)

Queste sono immagini simili a criptovalute, piccole immagini digitali… Ma i token non fungibili sono più di questo e dovresti familiarizzare con loro indipendentemente dal fatto che tu stia pensando di acquistarli o meno.

Un NFT, che cos’è esattamente?

I token non fungibili, il nome inglese NFT per “token non fungibili”, sono oggetti che non possono essere sostituiti. In particolare, sono “contenuti immateriali dotati di una firma digitale che può essere utilizzata per verificarne l’autenticità online”, afferma Madeline Hume, analista di ricerca senior di Morningstar, che si occupa di classi di asset emergenti. “Sebbene gli NFT siano una risorsa digitale, a differenza di altre risorse digitali come i token di criptovaluta, i token non fungibili sono unici e non intercambiabili”, aggiunge.

Pensa a un NFT come a un singolo oggetto (come il dipinto di un artista) o uno dei tanti (molto simili a figurine di baseball, che ne hanno molte in circolazione, ma ognuna ha il proprio valore), afferma Elliot Johnson, direttore degli investimenti e del trading di Evolve ETFs , che ha recentemente lanciato Evolve Cryptocurrency ETF (ETC.).

“Puoi cambiare qualsiasi cosa in NFT”, afferma Adam Henry, consulente per gli investimenti ed esperto di criptovalute residente per la società Harbourfront Wealth Management con sede a Winnipeg, “le persone prendono qualcosa come un tweet, una foto o un meme e ne fanno un NFT. che costituirà l’originale”. Questo originale può quindi essere acquistato e venduto, proprio come un’opera d’arte, e non può essere riprodotto o rubato.

Come vengono utilizzati gli NFT?

“Le applicazioni comuni per gli NFT includono opere d’arte digitali, biglietti per concerti e passaporti per i vaccini”, aggiunge Madeline Hume.

La “proprietà” degli NFT è rappresentata dal titolare del token, che di per sé non possiede il file digitale dell’opera d’arte, ma piuttosto un collegamento al file stesso, o “essenzialmente un input su un foglio di calcolo Excel”, afferma Bob Seeman, tech imprenditore e autore del (unico) libro che esprime scetticismo sui bitcoin: “The Coinmen”.

Il mercato che ospita il file stesso, l’account su quel mercato e la blockchain che contiene quel “link” al file costituiscono un NFT.

Questo dovrebbe interessare gli investitori?

Potremmo tutti familiarizzare con gli NFT, soprattutto perché le aziende e gli individui trovano applicazioni nel mondo reale. Potrebbero essere abbonamenti di viaggio, biglietti per il cinema o un pasto settimanale di pollo fritto per tutta la vita.

Nel discutere il potenziale interesse degli investitori negli NFT, consideriamo prima l’elemento crittografico di base, il che significa che sono dotati, non va dimenticato, di attributi crittografici. Ethereum è solitamente il token preferito dagli NFT perché è mutevole. Viene anche utilizzata come valuta, che, purtroppo, richiede una notevole quantità di elettricità, come scoperto da Vikram Barhat per Morningstar.

Le preoccupazioni ambientali, che Elliot Johnson identifica come un possibile handicap degli NFT, potrebbero già indurre a una decisione anticipata da parte degli investitori ESG, ma un altro attributo delle criptovalute è la loro capacità di scalare. “La buona notizia è che lo standard Ethereum sta già cercando di mitigare questo aspetto negativo come parte di un’iniziativa di riduzione dei costi ed efficienza”, afferma Elliot Johnson. E possiamo anche sostenere i lati socialmente positivi delle NFT, come attrarre nuove coorti di investitori o addirittura renderle uno strumento educativo.

“Abbiamo sentito da alcuni clienti che i loro figli stanno imparando le NFT a scuola dal punto di vista degli investimenti”, afferma Adam Henry. Troviamo questo piuttosto interessante, il tipico adolescente che non attribuisce importanza agli investimenti tradizionali (azioni e obbligazioni).

Non è nemmeno una brutta cosa migliorare i diritti di proprietà degli artisti, che possono finalmente rivendicare un posto per le loro opere nel mondo digitale. “Molti di coloro che hanno adottato le NFT all’inizio erano artisti che cercavano di guadagnare un reddito nella precarietà di un’economia colpita dalla pandemia”, afferma Elliot Johnson.

C’è almeno un modo per mostrarli?

Coloro che cercano di investire in NFT dovrebbero considerare se è giusto possedere un’opera d’arte seguendo le regole della blockchain, perché per l’acquirente ci sono differenze significative da considerare. “Le riproduzioni a tiratura limitata possono almeno dare a qualcuno il diritto legale di mostrarlo dove vogliono”, afferma Bob Seeman, che è anche un avvocato della California. “La maggior parte dei JFN no.”

Inoltre, possedere un’edizione limitata non ti dà il diritto di riprodurla, ma “nemmeno la maggior parte dei JFN”, dice, aggiungendo che “è solo una connessione, non un diritto di proprietà”.

Cosa succede se qualcuno copia e diffonde il mio NFT ovunque? Indipendentemente dal numero di copie fatte, “l’artista o il creatore può ancora conservare la proprietà intellettuale e i diritti di riproduzione (come con le opere d’arte fisiche)”, afferma Elliot Johnson, mentre la blockchain conserva nei suoi archivi l’identità del proprietario originale.

La proprietà degli NFT è complicata

Quando un’opera d’arte digitale viene assegnata a un proprietario tramite la blockchain, è per sempre — o almeno fino a quando non viene aggiunto il blocco successivo, che potrebbe teoricamente includere l’affermazione: “licenza terminata”. “Sì, il proprietario potrebbe effettivamente porre fine alla NFT. Tuttavia, il problema diventa allora il seguente: quale sarebbe il valore della NFT se il proprietario potesse unilateralmente (vale a dire senza una decisione giudiziaria) porre fine a una NFT semplicemente perché afferma che non è conforme? Meraviglia Bob Seeman. L’NFT evaporerebbe. »

La struttura blockchain degli NFT pone anche problemi di privacy sulla loro potenziale “forma finale”, afferma Dan Olson, un fan di YouTube che ha recentemente pubblicato una recensione di due ore degli NFT lì. Spiega che un futuro basato su blockchain con NFT specifici per persona sarebbe un grosso problema. Fortunatamente, questo rischio ESG è ancora lontano dal concretizzarsi, ma alcune implicazioni per la struttura, la volatilità e la viralità degli NFT sono già presenti.

“Molte delle domande che i giovani mi fanno hanno a che fare con il sentire un amico dire loro che ha fatto un sacco di soldi con gli NFT e vuole che provino la stessa eccitazione”, dice Adam Henry, non sono sicuro che sia tutto che vantaggioso vedere le nuove generazioni iniziare il loro viaggio di investimento incanalando i loro risparmi da qualche parte, sperando che i soldi triplichino o quadruplicano in un mese o due”. Non dimentichiamo che investire non è gioco d’azzardo.

Gli NFT potrebbero essere solo una bolla

L’anonimato dell’industria delle criptovalute è un grosso problema per gli investimenti quando si tratta di “trading ombra”. Immagina che un certo numero di portafogli, che sembrano tutti una lunga serie di numeri allineati casualmente, acquistino tutti un unico set di stampe digitali da un artista. Poiché l’offerta è limitata, il prezzo salirà alle stelle. Questi portafogli appartenevano all’artista? Chissà? “Un grosso problema con le operazioni di lavaggio è che si verificano in una borsa e solo una borsa vede cosa sta succedendo”, afferma Bob Seaman.

Secondo un recente rapporto di Chainalysis, un numero significativo di operazioni fittizie persiste ancora oggi e i potenziali investitori potrebbero fare bene ad aspettare che i mezzi di attuazione siano in atto, o forse vedere come cambierà la situazione. Adam Henry vede la possibilità di un’esplosione: “Usando la teoria del triangolo delle bolle (potenziale commerciale, credito/denaro e speculazione sono i tre ‘carburanti’ e la ‘scintilla’ sono la tecnologia), si potrebbe considerare questo spazio come una bolla.

Dovremmo investire solo in opere d’arte?

“Il prezzo dell’arte è determinato dalle mode”, avverte Dan Kemp, direttore degli investimenti globali per Morningstar Investment Management. “Mentre alcune persone sono in grado di individuare questi schemi, la maggior parte delle persone non ha questa capacità”.

Ok, ma per quanto riguarda i collezionisti a tempo pieno? Può esserci la stessa situazione con gli NFT? Ci sono collezionisti e mercanti d’arte, dice Bob Seeman, ma sono esperti, specialisti. Ed è più una professione che un investimento per stare al passo con le mode. “Un buon esempio dell’impatto della moda è stato il crollo del prezzo dei mobili antichi. Ci sono molte caratteristiche condivise con le belle arti, ma in termini di conservazione del valore, è terribile!” aggiunge Dan Kemp.

Il mondo dell’arte deve anche affrontare domande sull’integrità del suo mercato. Confronta coloro che autenticano le opere d’arte con gli “arbitri” della crisi dei mutui subprime. “Le agenzie di rating erano state acquistate e pagate dai giocatori più potenti del gioco”, afferma il giornalista Michael Lewis in un episodio del podcast sul funzionamento interno – e le influenze – del mercato dell’arte.

Puoi essere un esperto acquirente di NFT? Sì. Gli NFT lavorano attivamente per eliminare tutte le transazioni fittizie? Sì. I collezionisti d’arte sono costantemente diffidenti nei confronti dei falsi? Probabilmente. Vuoi che i tuoi investimenti affrontino questo tipo di rischio? Probabilmente no.

NFT come NFT

“Mi sembra che l’arte sia qualcosa che ami di per sé, che non è concepita come un investimento”, dice Dan Kemp. Amiamo il suo aspetto, il suono che fa, come si sente, cosa significa. L’arte per l’art.

Bob Seeman vorrebbe possedere una tiratura di dieci copie di un dipinto del Louvre su NFT, forse come parte di una raccolta fondi di beneficenza. Sarebbe carino.

Sarebbe utile, disse. Elliot Johnson la vede anche come un’opportunità per fare cose costruttive, “ad esempio, NBA Top Shots è un modo per i fan di ‘possedere’ il risultato sportivo che segna uno dei loro giochi preferiti”.

Gli NFT sono uno strumento interessante, versatile e utile. Ciò non significa che abbiano alcun valore. Tutto ciò che conta è il valore che attribuisci loro.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment