Borse

Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all’arrivo dei russi

Andriï Kharlamov, baritono della mitica Odessa, impara a maneggiare le armi e riempie sacchi di sabbia, mentre Inga Kordynovska, avvocato, sovrintende alla distribuzione degli aiuti a migliaia di persone in una mensa riconvertita: in Ucraina la guerra capovolge i destini.

• Leggi anche – Un mese di guerra in Ucraina: ecco tutti gli ultimi sviluppi

• Leggi anche – Maratona diplomatica degli occidentali a Bruxelles, le forze russe sono impantanate

Nei pressi del cuore storico della città, nella periferia segnata dalle dighe e dai cavalli di frise, la food hall, trasformata in centro di assistenza umanitaria, trova la sua vocazione primaria per la durata di un concerto.

Sotto l’imponente volta di questo antico teatro, Andriï Kharlamov e un altro cantante dell’opera del grande porto sul Mar Nero, accompagnati da un fisarmonicista, interpretano arie tradizionali ucraine davanti ai volontari del centro in canottiere arancio fluo, giovani per lo più donne.


Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all'arrivo dei russi

“Portiamo quanta più gioia possibile”, dice il baritono 33enne. “Le persone lavorano sodo, con patriottismo e altruismo, ma sono messe alla prova, quindi veniamo a tirarle su il morale per qualche minuto”.

Quando i tre artisti cantano, il pugno sul petto, l’inno nazionale ucraino, gli occhi di uno dei volontari si appannano.

Va a isolarsi per nascondere le lacrime in un angolo della sala, vicino a una foto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky accanto alla quale si può leggere una delle sue recenti dichiarazioni, scritta a pennarello su un cartoncino: “La nazione non è in vendita”.


Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all'arrivo dei russi

“Ho fatto l’addestramento preparatorio per l’esercito e il primo soccorso”, dice Andriï Kharlamov, che afferma di essere pronto a combattere, ma spera ancora di non arrivarci.

“Salviamoci la vita”

Per tutto il giorno, l’edificio risuona del suono del nastro adesivo proveniente dalle scatole confezionate dai volontari. Contengono alimenti di ogni tipo, ma anche prodotti per l’igiene, medicinali o addirittura biancheria intima.


Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all'arrivo dei russi

Il centro fornisce sia le truppe, in particolare la difesa territoriale, in cui sono stati coinvolti molti volontari civili, sfollati e anziani isolati dall’invasione russa, spiega Inga Kordynovska, 30 anni, avvocato e promotrice del progetto.


“Prepariamo il cibo, lo diamo ai ristoranti che lo cucinano e con loro sfamiamo quasi 5.000 persone al giorno”, spiega.

Il centro, inoltre, provvede da 500 a 600 persone al giorno: “conserve, biscotti, cioccolata, pane…”, elenca il giovane avvocato.


Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all'arrivo dei russi

Ha quasi 300 volontari di tutti i ceti sociali, “con diversi stati sociali, età e mentalità diverse”, accoglie Inga Kordynovska. “Ma abbiamo tutti un obiettivo in comune: fermare questa guerra, salvare le nostre case e le nostre vite e proteggere coloro che amiamo, fino alla vittoria”.


Cantanti lirici, avvocati: tutti si mobilitano a Odessa per prepararsi all'arrivo dei russi

La guerra ha anche creato un cuneo tra la popolazione di Odessa, in maggioranza di lingua russa, e la Russia.

“Ho interrotto tutti i contatti con i miei colleghi cantanti russi dal 2014”, anno in cui la Crimea è stata annessa a Mosca, dice Andriï Kharlamov, vincitore del concorso internazionale di canto Antonin Dvorak a Karlovy Vary, nella Repubblica Ceca. “Sostengono la guerra e l’aggressione russa”, ha detto, “quindi non abbiamo nulla da dirci”.

GUARDA ANCHE

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment