Borse

All’obitorio di Mykolaiv in Ucraina, “cadaveri accatastati” e “sacchi per cadaveri” sotto la neve

Il cadavere giace con le mani giunte, come in preghiera. In effetti, dice l’impiegato dell’obitorio, stava lanciando molotov quando i russi lo hanno catturato. Gli legarono le mani e lo giustiziarono.

Immagini agghiaccianti dall’obitorio di Mykolaiv, una città sulle rive del Mar Nero, sotto il fuoco russo da giorni. Fuori, nel cortile dell’istituto forense dove si trova l’obitorio, la neve cade costantemente sui cadaveri avvolti in sacchi di plastica grigia, in attesa di essere evacuati.

Nei locali fatiscenti e fatiscenti, altri corpi sono posti a terra, per mancanza di spazio. L’odore insidioso della morte, mescolato a quello di un disinfettante dolciastro, è ovunque.

Qui ci sono le vittime della guerra, civili e soldati, ma anche i morti per cause naturali.

I medici eseguono autopsie in condizioni igieniche discutibili. Bisogna scavalcare corpi nudi per accedere alla cella frigorifera, dove sono ammucchiati i cadaveri delle vittime di un bombardamento avvenuto pochi giorni prima a Otchakiv, nella regione di Mykolaiv.

Vladimir, uno degli impiegati dell’obitorio, accende una sigaretta dopo l’altra. “Non ho mai visto una cosa del genere. Pensavamo che la cosa peggiore che potesse capitarci qui fosse un incidente d’auto”, ha detto, scuotendo la testa. Lui ei suoi colleghi lavorano instancabilmente.

“Così giovane”

Attraversando di nuovo il cortile, apre una porta su uno spettacolo da incubo. Una trentina di cadaveri vengono deposti a terra. Due soldati in mimetica, uno sventrato, sono addirittura accatastati uno sopra l’altro.

“Sono così giovani, più giovani di mio nipote”Vladimir sorride. In fondo alla stanza c’è anche un soldato russo, dice. “Li teniamo lontani”. Immaginiamo anche i corpi dei civili, sempre nella stessa stanza. Un dipendente rimuove delicatamente la catena attorno al collo di un cadavere, che verrà utilizzata per l’identificazione.

Mykolaiv e la sua regione sono teatro di pesanti combattimenti e bombardamenti russi, ma gli ucraini stanno resistendo e pochi giorni fa hanno anche preso il controllo dell’aeroporto da nord. La città è strategica perché è l’ultima chiusa prima della grande città portuale di Odessa.

“Dall’inizio della guerra, abbiamo ricevuto 120 corpi, di cui 80 soldati e 30 civili”spiega con aria esausta la direttrice dell’istituto medico-legale, Olga Dierugina, un gilet di lana infilato sulla camicetta bianca e un berretto con un pompon in testa. Tra le vittime civili, la più giovane era un bambino di tre anni e la più grande una settantenne, continua.

Alcuni corpi sono difficili da identificare, soprattutto tra i 19 corpi arrivati ​​da Otchakiv due giorni fa. Vengono prelevati campioni di DNA, gli esperti notano tatuaggi, gioielli.

I corpi dei soldati vengono rispediti nella loro regione di origine. “Sono tutti giovanissimi, nati nel 1990, nel 2000…” sussurra Olga Dierugina. “Come mi sento oggi?” Silenzio. Poi il suo viso si incurva improvvisamente. “Paura. Tutti abbiamo figli.”

Questa dottoressa si sforza di non crollare, si asciuga le lacrime. “Qui a Mykolaiv va ancora bene, ma i miei genitori sono a Chernihiv (al nord), non possono essere evacuati”.

All’istituto forense quindici suoi colleghi sono fuggiti in occidente, una sessantina continuano a lavorare, di cui venti all’obitorio.

“Non potrò mai ringraziarli abbastanza”continua Olga Dierugina. Secondo lei, la situazione è ancora sotto controllo a Mykolaiv, ma “se continua così, andiamo dritti verso un disastro umanitario”.

Fuori dall’obitorio, alcune famiglie aspettano in silenzio sotto la neve.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment