Concezione

Una futura unità di biometanazione nel porto di Gennevilliers

——————– PUBBLICITÀ ——————–

Syctom (sindacato specializzato nel trattamento e recupero dei rifiuti domestici nell’Île-de-France) e Sigeif (Unione dell’energia) scelgono Paprec per la progettazione e la gestione della futura unità di metanizzazione dei rifiuti organici per le famiglie nella regione dell’Île-de-France . Con una capacità di 50.000 tonnellate, l’impianto installato nel porto di Gennevilliers (Hauts-de-Seine) genererà dal 2025 biogas iniettato nella rete dell’Ile-de-France e fertilizzanti agricoli.

I Comitati di amministrazione di Syctom, presieduti da Éric Cesari, e Sigeif, presieduti da Jean-Jacques Guillet, hanno assegnato a Paprec la concessione per un’unità di metanizzazione dei rifiuti organici da realizzare nel porto di Gennevilliers (Hauts-de-Seine). di una “capacità senza precedenti in Francia” di 50.000 tonnellate annue, l’impianto progettato dall’esperto di gestione dei rifiuti beneficerà di processi industriali innovativi per la produzione di biogas e fertilizzanti agricoli.

Dal 31 dicembre 2023 sarà imposto su tutto il territorio il principio della raccolta differenziata alla fonte dei rifiuti organici. Nelle aziende ma anche a casa, i rifiuti organici devono essere smistati in un altro contenitore. In questo contesto, Syctom, sindacato responsabile della gestione dei rifiuti domestici nella regione dell’Ile-de-France, e Sigeif, sindacato energetico in Francia, hanno unito le forze per sviluppare un progetto industriale per la produzione di energia rinnovabile dai rifiuti organici .

Questa partnership si concretizza attraverso la creazione di un impianto di recupero dei rifiuti alimentari sul porto di Gennevilliers che richiede un investimento di 52 milioni di euro. La scelta di questa piattaforma portuale nell’Île-de-France non è banale. Questo futuro impianto sarà quindi posizionato il più vicino possibile alle aree di raccolta dei rifiuti organici e beneficerà anche di un accesso multimodale al porto di Gennevilliers con un collegamento diretto alla Senna e alle principali autostrade. “Il progetto Biomethanation a Gennevilliers è la pietra angolare del settore pubblico del trattamento dei rifiuti organici che il sindacato e le sue comunità membri stanno gradualmente implementando dal 2018. Contribuisce così alla resilienza della Grande Parigi e alla strategia di decarbonizzazione della Metropolis”commenta Éric Césari, Presidente di Syctom.

La progettazione, la produzione, il funzionamento e la manutenzione sono stati affidati a Paprec per un periodo di 19 anni, di cui 15 di funzionamento. Il gruppo indica che i lavori inizieranno a gennaio 2024 per la messa in servizio provvisoria nel 2025.

Recupero dei rifiuti alimentari

La futura unità di biometanazione finirà per riciclare 50.000 tonnellate di rifiuti alimentari all’anno prodotti sul territorio di Syctom. Grazie alla sua tecnologia, Paprec tratterà i rifiuti organici in fase liquida. I rifiuti vengono sospesi in un idro-pulper per separare meglio gli indesiderabili (plastica, tessuti, ecc.) e per ottenere fertilizzanti e biogas di ottima qualità.

Il biometano sarà iniettato nella rete dell’Ile-de-France e fornirà la più grande stazione di rifornimento di bio-NGV in Francia appartenente a Sem Sigeif Mobilités, anch’essa situata nel porto di Gennevilliers. “Quasi 36.000 MWH PCS/anno saranno generati e per lo più reimmessi nella rete del gas, l’equivalente di rifornire quasi 5.400 famiglie”dice Paprec. Quanto al digestato derivante dalla metanizzazione, verrà recuperato come fertilizzante organico e evacuato via fiume per il suo recupero agronomico. Quasi 43.000 tonnellate di fertilizzante liquido permetteranno così di concimare i terreni agricoli della regione.

“Anche in questo caso, volevamo che questo impianto fosse un modello ambientale nell’area. Soprattutto, con un fertilizzante la cui qualità è garantita ea zero emissioni, le nostre tecnologie di trattamento vanno ben oltre le normative. Quindi, volevamo che l’edificio stesso rispondesse ai problemi ambientali. L’approvvigionamento energetico proverrà quindi dal biogas generato dall’impianto. Inoltre i fertilizzanti prodotti saranno trasportati nei luoghi di utilizzo dalla Senna, su chiatta”sottolinea Stéphane Leterrier, vicedirettore generale del leader francese del riciclo e amministratore delegato di Paprec Energies, responsabile dei grandi progetti del gruppo.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment