Vestiti

PARIGI: PRONEEM aumenta il potere isolante, idratante e riscaldante degli indumenti

Versione stampabile, PDF ed e-mail

Puntare su una grande innovazione e sulla preparazione di una sfida sportiva.

L’azienda biotecnologica specializzata nella microincapsulazione di principi attivi naturali per funzionalizzare i tessuti sta lavorando con l’atleta multisport per sopperire alla mancanza di abbigliamento tecnico femminile per l’alpinismo in condizioni estreme.

PRONEEM, azienda biotecnologica specializzata nella micro-incapsulazione di principi attivi naturali per funzionalizzare i tessuti, conferire loro proprietà specifiche e aumentarne le prestazioni, progetta trattamenti dedicati ai produttori per rendere i loro tessuti “tecnici” e “intelligenti”. L’azienda collabora dal 2013 con i principali marchi tessili di tutti i settori (biancheria per la casa, biancheria da letto, abbigliamento, cosmetici, detersivi, abbigliamento e accessori outdoor) e ha così sviluppato una trentina di trattamenti (antiacaro, antibatterico, antivirale, termoregolatore, anti -cimici, antizanzare, ecc. resistenti nel tempo a più lavaggi.

Oggi, con la sua esperienza e le sue capacità, PRONEEM accompagna l’atleta multisport e imprenditrice di talento Emma Clair Dumont funzionalizzando i suoi vestiti come parte del suo progetto di salita all’Everest!

Emma, ​​sportiva esperta e donna di sfide, ama raccogliere tutti i tipi di sfide sportive. È l’unica francese ad aver completato la 7/7/7 (7 maratone in 7 giorni in 7 continenti) come dilettante. PRONEEM supporta Emma da diversi mesi nella sua preparazione sportiva. L’obiettivo. il gol ? Aumenta il potere isolante, idratante e riscaldante degli indumenti (sottoguanti, calze, reggiseni, prima pelle, ecc.) che utilizzerà per scalare l’Everest nell’aprile 2022.

La tecnologia PRONEEM sviluppata da Aurélie Oudin, giovane ingegnere R&D” permette di gestire:

Il freddo (problema principale), aumentando il potere isolante del tessuto senza aumentare lo spessore del materiale;

Idratazione: conferendo al tessuto un potere idratante per limitare il rischio di screpolature e congelamento;

Umidità: aumentando la capacità del tessuto di assorbire il sudore e asciugarsi fornendo proprietà antiodore.

Sono stati sviluppati molti test per garantire che questa tecnologia soddisfi i problemi e le esigenze degli alpinisti. Svolti in condizioni climatiche estreme (cabina di crioterapia a -120°C e cella frigorifera a -25°C), i test di efficacia dei trattamenti sviluppati da PRONEEM su guanti, maniche e calze di Emma hanno rivelato:

Un guadagno da 2 a 4°C su un articolo trattato rispetto a un altro articolo non trattato;

Un miglioramento del +100% di idratazione da 12 ore di utilizzo;

Assorbimento immediato del sudore.

“Nel prepararmi a questa sfida, volevo ridurre al minimo il rischio di gravi congelamenti e morte in alta quota a causa del freddo. Non ci sono però indumenti tecnici da donna per l’alpinismo in condizioni estreme. Discutendo con PRONEEM, la fondatrice, Nathalie, ha deciso di aiutarmi in questo progetto. Con Aurélie, ingegnere di ricerca e sviluppo, abbiamo testato i tessuti a temperature estremamente basse (-112°) per diverse settimane. I risultati misurati con la termocamera sono evidenti: l’isolamento è maggiore e permette di guadagnare +4°C. tra gli articoli trattati con la soluzione PRONEEM e gli stessi articoli non trattati. È molto incoraggiante e rassicurante?” commenta Emma Clair Dumont.

Il team PRONEEM sta continuando la sua stretta collaborazione con la sportiva per perfezionare il trattamento dei suoi capi da qui alla salita, e per raggiungere una soluzione ottimale. Per Emma l’avventura è appena iniziata; volerà a Kathmandu il 10 aprile 2022 con l’ambizione di essere la 13a donna francese al vertice della ” tetto del mondo », supportati e monitorati dall’azienda PRONEEM!

Uno sviluppo in più fasi

1: Gli ingegneri di Proneem R&D progettano il principio attivo per funzionalizzare i tessuti e osservano che l’incapsulamento è stato eseguito correttamente

2: Il principio attivo viene diluito in soluzione per poter impregnare meglio i tessuti: si ottiene il trattamento funzionale

3: I tessuti sono immersi nella lavorazione funzionale

4: Impregnazione del tessuto in modo che il trattamento penetri nel cuore delle fibre tessili. Il tessuto passa tra 2 rulli di una rotativa, replica di quelli esistenti in ambiente industriale

5: Misurazione delle proprietà di riscaldamento mediante telecamera a infrarossi

6: Misurazione dell’idratazione cutanea (corneometria)

7: Misurazione della capacità di assorbimento del tessuto trattato

3 Domande ad Aurélie OUDIN, Research & Development Engineer presso PRONEEM, responsabile del progetto

Ha riscontrato difficoltà nell’esecuzione di questo trattamento?

La principale difficoltà incontrata durante la progettazione di questo trattamento è stata quella di garantirne l’efficacia in condizioni di freddo estremo. Abbiamo quindi effettuato diversi test di crioterapia e cella frigorifera in stretta collaborazione con Emma.

Quali risultati sono stati raggiunti finora?

Ad oggi abbiamo ottenuto ottimi risultati, sia in termini di idratazione, gestione dell’umidità o freddo! Il trattamento riduce la perdita di calore e quindi mantiene Emma al caldo! Consente inoltre una migliore gestione della traspirazione e raddoppia l’idratazione della pelle per limitare tutti i rischi associati al freddo estremo.

Quali sono i prossimi passi ?

Il passo successivo è perfezionare la lavorazione degli articoli e continuare i test in cella frigorifera. L’obiettivo è in definitiva migliorare le formulazioni sviluppate prima del grande inizio.

A proposito di Proneem

Società? Marsiglia delle Biotecnologie fondata nel 2003 da Nathalie HAGEGE, dottore in biochimica e biologia molecolare, PRONEEM è specializzata nel microincapsulamento di beni naturali per funzionalizzare i tessuti. La società? offre un’ampia gamma di trattamenti naturali ad alte prestazioni (antiacaro, antibatterico, anti insetti, antiodore, anti-sudore, idratante, rilassante, riscaldante, snellente, profumante, rinfrescante, tonificante, ecc.) adattandosi a ? tutti i media, in settori diversi come biancheria da letto, sport o abbigliamento. L’azienda sostiene l’uso di risorse naturali ed efficaci e la sua risorsa brevettata? PRONEEM® dedicato? a? la biancheria da letto è l’unica al mondo che ha? beneficiare di un’autorizzazione all’immissione in commercio? Europea nell’ambito del regolamento sui biocidi. PRONEEM oggi impiega 17 persone, è presente in 7 settori (biancheria per la casa, biancheria da letto, abbigliamento, cosmetici, detersivi, abbigliamento outdoor e accessori). La tecnologia e le risorse naturali di PRONEEM hanno già? seduce grandi marchi e distributori (Dodo, Tex di Carrefour, Best di La Redoute, Habitat, ecc.), in Francia come in? l’Internazionale. La PMI realizza il 70% del suo fatturato da? esportare. Nathalie Hagege è anche presidente di APEX, membro del consiglio di amministrazione di France Chimie (UIC), esperta dell’Organizzazione internazionale per la standardizzazione, membro dell’Ufficio per la standardizzazione delle industrie tessili e dell’abbigliamento, vincitrice dei Trophies des Femmes de l’ économie PACA, Manager dell’anno dei Trofei Economia e Innovazione 2019, vincitrice del Premio Creatività ai Trofei Imprenditori Positivi del CPME Sud 2021, e finalista del BOLD WOMAN AWARD France 2021

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment