Borse

In attesa di un assalto russo, Kiev fa saltare il coprifuoco

(Kiev) Dietro i suoi sacchi di sabbia e la pistola ai suoi piedi, Kiev aspetta. Alle 27e il giorno dell’invasione, l’avanzata delle truppe russe sembra essere congelata a nord-ovest e ad est della capitale ucraina, di nuovo sotto coprifuoco martedì.

Inserito alle 10:56

Hervé BAR
Agenzia media francese

Sirene di bombardamenti e lontane detonazioni suonavano a intervalli regolari durante il giorno, strani tamburi di guerra in una città fantasma, bagnata da un sole quasi primaverile che fa brillare le cupole dorate della Santa Sofia ortodossa.

Per questo terzo coprifuoco dall’inizio della guerra, imposto da lunedì sera a mercoledì mattina, tutte le attività commerciali sono state chiuse. Tutti restano a casa con l’ordine di scendere “nei rifugi quando suonano le sirene”, secondo il sindaco ed ex campione del mondo di boxe Vitali Klitschko.

“Per le persone, costantemente sotto pressione dall’inizio dell’invasione, è un’opportunità per respirare un po'”, dice Alexis, un insegnante di tedesco prima della guerra, che guida una squadra dell’AFP in città. . “Comunque sono traumatizzati, non hanno proprio voglia di uscire…”

“Il morale è alto”

Molti dei 3,5 milioni di abitanti di Kiev, per lo più donne e bambini, sono fuggiti dalla capitale dall’inizio del conflitto il 24 febbraio. Rimangono principalmente uomini mobilitati e alcuni anziani.

Questo coprifuoco è “come una pausa, con la temperatura in aumento”, sorride Maxim Kostetskyi, un avvocato di 29 anni.

“Non sappiamo se i russi continueranno i loro sforzi per circondare la città, ma siamo molto più fiduciosi, il morale è alto e stimolante”, assicura questo membro di un’unità di volontari.

Nelle strade deserte della città circolano solo le auto bianche striate di blu della polizia, qualche camion militare e rari veicoli civili che sfrecciano, occupati da uomini in armi o in tuta.

“Esercito russo, vaffanculo! », « Gloria all’Ucraina », o semplicemente « Fermati! “, etichettati con vernice sui blocchi di cemento posti sulla carreggiata, annunciano gli innumerevoli posti di blocco che ora costeggiano la città.

Ad ovest, nord ed est della capitale, non un angolo, un vicolo laterale o un bivio che non sia tagliato da un muro di sacchi di sabbia o ricci anticarro, fatti di barre di metallo incrociate a stella.

Trincee e postazioni di combattimento sono state allestite a caso dal minimo potenziale asse di fuoco, ai piedi di blocchi di edifici o in lotti liberi.

La foresta alla periferia nord della città, dove gli abitanti amavano andare a mangiare i funghi nei fine settimana o mangiare con le loro famiglie in un “Rancho el Gaucho” simile a una dacia, oggi non è altro che un vasto campo trincerato dove sono sepolti i soldati . .

L’irruzione di un veicolo suscita subito gli sguardi sospettosi dei soldati e dei volontari di turno, le dita sul grilletto, che appena sentono la password che gli permette di attraversare i posti di blocco si rilassano appena.

Droni e “sabotatori”

Se di questi tempi si parla meno dei “sabotatori” russi infiltrati, la caccia continua.

Dopo lo sciopero domenica sera di un missile russo su un ultramoderno centro commerciale nel nord-ovest della città, dove secondo Mosca erano mimetizzati munizioni e pezzi di artiglieria, la paura è quella dei droni spia, come le foto sulle reti social che potrebbero tradire Posizioni ucraine.

Un denso fumo nero sale in direzione di Irpin, una decina di chilometri a nord-ovest, dove tuonano i cannoni. La località è ora off-limits per i giornalisti.

“I soldati sanno cosa devono fare, conoscono il loro lavoro. C’è un motivo per questo coprifuoco”, la giudice Olga Alievska, 38 anni, per la quale “i russi non vogliono, e soprattutto non possono prendere Kiev”.

“I loro bombardamenti sono per il momento piuttosto mirati a obiettivi militari, non è ancora arrivato il momento dei bombardamenti sui civili”, analizza questo dirigente marketing, rimasto in città.

Nel cuore della capitale, sulle colline che dominano l’imponente e tortuoso fiume Dnepr, dove restano aperti al traffico solo due ponti, la guerra sembra quasi lontana.

Ai piedi delle mura del famoso monastero delle Grotte di Kyiv, armi e soldati sono più discreti. Indifferente al coprifuoco, una sessantenne porta a spasso i suoi cani, come se nulla fosse, sui prati del Memoriale alle vittime della Grande Carestia degli anni ’30, che domina la riva sinistra del Dnepr e le sue torri di cemento.

Tornano le dighe di sacchi di sabbia nell’emblematica piazza Maïdan e in alcune strade circostanti, dove vengono abbandonate le auto distrutte che hanno inavvertitamente frantumato, probabilmente durante la notte, questi ostacoli inaspettati.

“Oggi siamo ottimisti, anche se non abbiamo scelta”, continua Maxim. “Stiamo proteggendo il nostro Paese da qualcuno, Vladimir Putin, che vuole semplicemente distruggere il nostro Paese”.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment