Portafogli

Il tuo portafoglio è pronto per i brutti momenti?

Dopo una serie di anni per lo più molto favorevoli, il mercato azionario all’inizio del 2022 ha prodotto una corsa sulle montagne russe per gli investitori scioccati.

L’anno scorso, poteva sembrare che fare soldi fosse facile. Ma quel punto di vista non sembra così ovvio ora.

All’inizio di marzo, l’indice S&P 500 SPX,
+2,24%
è sceso dell’8,2% da inizio anno, non abbastanza per scatenare molto panico, ma forse abbastanza per spazzare via ogni ottimismo sfrenato. E questo non dice nulla sugli eventi mondiali che sembrano sul punto di peggiorare.

Leggere: Come trasformare $ 30.000 in milioni: il potere del tempo batte la fortunata selezione di titoli

Questo è quindi un momento particolarmente favorevole per tornare sull’argomento della parte del vostro portafoglio che dovrebbe essere in obbligazioni rispetto alla parte in azioni. Questo articolo è un aggiornamento di quello che ho scritto ogni anno per decenni.

Il mio obiettivo è aiutare gli investitori a realizzare il difficile ma essenziale compromesso tra i rendimenti a lungo termine delle azioni e la relativa sicurezza delle obbligazioni.

Come sempre, se la tua priorità come investitore è ottenere rendimenti elevati a lungo termine e non sei eccessivamente preoccupato per le perdite a breve e medio termine, potresti prendere in considerazione un portafoglio composto principalmente da azioni.

Leggere: Questa strategia di investimento è un modo estremamente efficace per battere l’S&P 500

Ma se la tua più grande preoccupazione è evitare di perdere ciò che già possiedi, dovresti mantenere più… forse anche la maggior parte… del tuo portafoglio in fondi obbligazionari. Se lo fai, dovrai accettare che i tuoi rendimenti a lungo termine saranno molto probabilmente significativamente inferiori.

Per la maggior parte delle persone, il giusto equilibrio è una via di mezzo

Il seguente grafico breve mostra i rendimenti e alcuni fattori di rischio per gli ultimi 52 anni solari, con le azioni rappresentate dall’S&P 500 e le obbligazioni rappresentate da una combinazione di titoli di stato a medio e breve termine più TIPS.

Vedrai risultati per tre allocazioni abbastanza diverse: 20% di azioni per l’investitore molto prudente, 50% di azioni per l’investitore moderato e 100% di azioni per l’investitore aggressivo.

Tabella 1 – Tre scelte di obbligazioni contro azioni, 1970-2021

Percentuale nell’S&P 500

Rendimento composto

deviazione standard

I 12 mesi peggiori

Il peggior prelievo

20%

8,1%

6%

-8,8%

-9,1%

50%

9,4%

9,2%

-23,2%

-25,5%

100%

11%

16,8%

-43,3%

-51%

Fonte: Fondazione per l’educazione finanziaria Merriman

Per aiutarti a interpretare questi numeri, la deviazione standard è una misura statistica della variazione dalla media. Nella letteratura finanziaria viene spesso utilizzato per misurare il rischio, quando il rischio è definito in termini di volatilità. In generale, una deviazione standard più alta significa più volatilità e più volatilità significa più rischio.

Le ultime due colonne misurano le perdite peggiori: su un periodo di 12 mesi e su qualsiasi periodo di tempo durante quei 52 anni.

Ho creduto a lungo che un’allocazione azionaria moderata del 50% potesse essere adatta a molti investitori, ed è l’approccio che sto adottando, all’età di 78 anni, con i miei investimenti.

Fortunatamente, ci sono molte altre scelte. Altre combinazioni, con incrementi del 10% dell’esposizione azionaria, possono essere trovate nella tabella B1, che puoi trovare qui, che mostra anche i rendimenti annuali delle combinazioni di azioni e obbligazioni con incrementi del 10%.

Nel corso degli anni, queste informazioni hanno aiutato migliaia di investitori a perfezionare la propria asset allocation.

I risultati per i periodi peggiori, che vanno da tre a 60 mesi, danno un’idea di cosa probabilmente dovrai sopportare per raggiungere i tassi di rendimento attesi a lungo termine.

Non c’è modo di sapere in anticipo quando il mercato sarà buono e quando sarà cattivo. Dal 1995 al 1999, l’S&P 500 è salito al 28,7%.

Ma nei successivi 10 anni, dal 2000 al 2009, l’indice è finito in perdita, con un tasso di crescita annuale composto del -1%.

Nella parte inferiore del grafico, vedrai chiaramente che ogni ulteriore incremento di azioni ha comportato un rendimento a lungo termine più elevato. Ho affermato in precedenza che solo una differenza dello 0,5% in cambio può tradursi in un milione di dollari in più nell’arco della vita, quindi questi aumenti sono davvero significativi.

Sono un grande sostenitore della diversificazione oltre l’S&P 500 e il modo migliore che conosco per raggiungere questo obiettivo in soli quattro fondi è una combinazione di azioni globali che ho delineato qui.

Questo mix è composto equamente da quattro classi di attività: US Large Cap Blend, US Small Cap Value, International Large Cap Value e International Small Cap Blend.

La tabella 2 mostra i risultati in 52 anni di questa combinazione.

Tabella 2 – Tre scelte obbligazionarie contro quattro fondi azionari globali, 1970-2021

Percentuale in azioni

Rendimento composto

deviazione standard

I 12 mesi peggiori

Il peggior prelievo

20%

8,3%

6,1%

-10,6%

-11%

50%

10,1%

9,9%

-27,2%

-30%

100%

12,4%

18,6%

-49,5%

-57,2%

Fonte: Fondazione per l’educazione finanziaria Merriman

I numeri di rischio sono più alti nella tabella 2 rispetto alla tabella 1. Come previsto, anche i rendimenti sono stati più elevati.

Capisco che molti investitori non sono disposti a investire oltre il mercato azionario statunitense. Per loro, raccomando un portafoglio azionario statunitense di quattro fondi con parti uguali di S&P 500, large cap value, small cap mix e small cap value.

Vedrai i risultati in 52 anni da quelli nella Tabella 3.

Tabella 3 – Tre scelte obbligazionarie contro quattro fondi azionari statunitensi, 1970-2021

Percentuale in azioni

Rendimento composto

deviazione standard

I 12 mesi peggiori

Il peggior prelievo

20%

8,4%

6,3%

-10,6%

-11%

50%

10,2%

9,9%

-27,2%

-30%

100%

12,5%

18,4%

-49,5%

-57,2%

Fonte: Fondazione per l’educazione finanziaria Merriman

In precedenza mi sono collegato al grafico B1, che fornisce numerose informazioni sulle combinazioni di portafoglio basate sull’S&P 500.

Questo documento contiene anche altre otto tabelle che forniscono gli stessi dati per diverse combinazioni di azioni, comprese quelle a cui ho fatto riferimento nelle tabelle 2 e 3 qui.

Ecco due lezioni da trarre da tutte queste figure:

  • Indipendentemente dal mix di azioni, l’aggiunta di obbligazioni riduce sia il rischio che i rendimenti a lungo termine;

  • Altrettanto importante, i rischi sono generalmente a breve termine e di volta in volta questi portafogli si sono ripresi dalle perdite.

Ci sono molte altre lezioni da imparare da 52 anni di risultati anno dopo anno e nel mio ultimo podcast affronterò alcune delle più importanti.

Richard Buck ha contribuito a questo articolo.

Paul Merriman e Richard Buck sono gli autori di Parliamo di milioni! 12 semplici modi per aumentare la tua pensione.

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment