Orologi

Frédérique Constant – Manifattura Classics Worldtimer – Stile e tendenza

Introdotta nel 2012, la Manifattura Classics Worldtimer si è affermata a tempo di record come uno dei pezzi più venduti di Frédérique Constant e ampiamente acclamata dalla comunità orologiera. Un successo innegabile, che festeggia oggi il suo 10° anniversario con due edizioni limitate molto esclusive: la prima in oro rosa 18 carati, prodotta in 88 pezzi, e la seconda in acciaio composta da 1.888 pezzi. Dedicati all’arte del viaggio e all’esplorazione del mondo, illustrano perfettamente la storia internazionale della Maison, dai Paesi Bassi alla Svizzera, passando per Hong Kong.

È una creazione speciale, cara alla storia di Frédérique Constant, che a sua volta attraversa i continenti e trascende i confini. Vera icona di viaggio presentata per la prima volta nel 2012, la Manifattura Classics Worldtimer, diventata essenziale, celebra nel 2022 il suo 10° anniversario. Per celebrare l’evento, Frédérique Constant presenta oggi due esclusive edizioni limitate, per la gioia di collezionisti e amanti dell’alta orologeria.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

La Manifattura Classics Worldtimer entra nel mondo NFT

Per celebrare questo anniversario al culmine, Frédérique Constant ha deciso di pensare fuori dagli schemi e di rivoluzionare l’orologeria tradizionale offrendo alla sua icona un viaggio nel web 3.0: la Manifattura Classics Worldtimer diventa una NFT.

Un NFT (Non Fungible Token) è un asset digitale all’interno di un contratto modificato sulla blockchain. Garantisce la proprietà di un bene digitale di qualsiasi tipo: opera artistica, avatar, pezzo da collezione, produzione musicale… Può essere acquistato e rivenduto su mercati specializzati, ma offre anche esperienze esclusive ai detentori di questi beni.

La creazione degli esclusivi NFT di Classics Worldtimer Manufacture sarà affidata a Rarecubes, studio con sede a Ginevra e specializzato in tecnologia blockchain. Maggiori dettagli saranno presto disponibili sul sito ufficiale di Frédérique Constant.

Un anniversario doppiamente celebrato

Le due versioni proposte si vestono di un blu intenso che rappresenta gli oceani del planisfero centrale, eseguito in rilievo e in grigio. Tutto intorno sono applicati indici luminescenti per garantire una perfetta leggibilità, anche di notte, come le lancette delle ore e dei minuti, impresse con lo stesso materiale. Per completare l’ensemble, sulla flangia si srotola un disco bianco che mostra 24 città. Infine, a ore 6, la data è visualizzata da una lancetta all’interno di un quadrante blu soleil finemente guilloché.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

La prima versione, la più rara e prestigiosa, sarà prodotta in soli 88 esemplari e presenta una cassa in oro rosa 18 carati. Il secondo, in acciaio, sarà limitato a 1888 esemplari. Le lancette delle ore, dei minuti e dei secondi – così come il profilo degli indici – riecheggiano elegantemente la cassa, assumendone la tonalità. Con lo stesso diametro di 42 mm, questi due segnatempo sono indossati su un cinturino in alligatore blu navy con fibbia pieghevole, ornato dall’emblematico sigillo della Manifattura Frédérique Constant, un passaporto eterno per fuggire.

In che modo la Manifattura Classics Worldtimer riesce a conquistare il cuore dei collezionisti oggi? Una sola domanda, ma più risposte, tutte unite nelle sue nuove varianti.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Un’utile complicazione

In primo luogo, con un’utile complicazione, il Worldtimer, non una creazione di orologiai per orologiai, ma che servirà quotidianamente un vasto pubblico.

Questa bella invenzione destinata all’esplorazione e al viaggio permette di leggere istantaneamente l’ora esatta nelle 24 città che rappresentano i 24 fusi orari di riferimento – con, come bonus, l’indicazione immediata di chi si trova attualmente di notte o di giorno. New York, Bangkok, Rio de Janeiro o Dubai: ogni città è una chiamata alla fuga che, da 10 anni, porta i sogni di tutti i grandi viaggiatori del mondo.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Facilità d’uso

Poi, con un movimento di Manifattura che mantiene un lusso orologiero accessibile. Frédérique Constant è in grado da oltre 15 anni di progettare e assemblare i propri movimenti internamente, all’interno della sua manifattura di Ginevra.

Ne è il frutto il calibro automatico FC-718, dotato di 38 ore di riserva di carica. Dimostratosi affidabile, è anche un esempio di semplicità: tutte le sue indicazioni sono fissate con la sola corona, grazie ad un ingegnoso sistema a tre tacche. All’inizio carica l’orologio. Sulla seconda imposta la data (su) e la città di riferimento (sotto). Sul terzo, imposta l’ora con il display centrale.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Semplice ed intuitivo, questo design permette di attraversare i fusi orari lasciandosi trasportare dalla sola voglia di scoprire il mondo, senza doversi preoccupare dell’ora letta: ora locale (tramite lancette centrali) e ora domestica (tramite la flangia mobile ) vengono sincronizzati automaticamente tra loro. Non c’è nemmeno bisogno di sforzarsi di dissociare i fusi che sono giorno da quelli che sono notte: i due toni del disco che circonda il globo (scuro per la notte, bianco per il giorno) lo indicano naturalmente, con due segmenti consecutivi 12- orari, di fronte alle città di riferimento interessate.

Questo movimento eccezionale sarà visibile attraverso il retro aperto del pezzo. Come ogni autentico calibro di Manifattura firmato Frédérique Constant, è riccamente decorato con Côtes de Genève e un delicato perlage sulla piastra principale, sopra la quale ruota la sua massa oscillante satinata con linee disegnate.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Il mondo a portata di mano

Infine, la Manifattura Classics Worldtimer è soprattutto una creazione dal design moderno e senza tempo, un invito a viaggiare attraverso gli ultimi dieci anni senza alcuna modifica se non cromatica, per arricchire la collezione con variazioni di blu, marrone, grigio o verde, come tanti paesaggi selvaggi, scogliere e terre colorate.

Rappresentate sul suo quadrante attraverso i cinque continenti, queste meraviglie della natura testimoniano un mondo costruito secondo gli eventi, ma anche le civiltà. Preziosi custodi di culture, tradizioni ma anche di saperi, ne perpetuano il patrimonio e consentono a chi lo desidera di aprire la propria mente a vari usi e costumi, per arricchire la propria esperienza.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Un’influenza che sfida i confini

Questa è la storia di Frédérique Constant. I suoi fondatori, Aletta e Peter Stas, hanno avuto una carriera affascinante, internazionale e multiculturale, che ha permesso loro di dare vita alla Maison e, per estensione, al suo emblematico orologio Classics Worldtimer Manufacture.

Aletta e Peter Stas sono di origine olandese. Peter Stas ha studiato ad Harvard, negli Stati Uniti, prima di intraprendere la carriera a Hong Kong, insieme alla moglie Aletta Stas-Bax. Durante un viaggio in Svizzera nel 1988, precisamente a Ginevra, notarono che gli orologi esposti nelle vetrine dei rivenditori di orologi sembravano appartenere a due categorie: orologi svizzeri eleganti, artigianali e dotati di un vero e proprio meccanismo di orologio – e quindi molto costoso – cioè di massa – modelli prodotti, sciatti in termini di finiture e design, ma a un prezzo molto inferiore. Da questo viaggio è nata l’idea di creare orologi classici “Swiss Made”, di alta qualità ma a prezzi accessibili.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

Mentre lavorano a Hong Kong, Aletta e Peter Stas sviluppano il loro primo prototipo, che presentano nel 1992 alla Fiera di Hong Kong. Un cliente giapponese effettuerà il suo primo ordine, per 350 pezzi. Nel 1997 la coppia di imprenditori lascia Hong Kong per stabilirsi in Svizzera, dedicandosi così esclusivamente allo sviluppo della Maison.

È in questo stesso stato d’animo che il direttore tecnico e maestro orologiaio Pim Koeslag, e l’attuale amministratore delegato Niels Eggerding, si uniscono a Frédérique Constant. Entrambi olandesi anche loro, si trasferiscono in Svizzera – dall’Olanda – dopo aver incontrato Peter Stas. L’arrivo di Pim Koeslag ha consentito lo sviluppo di movimenti interni, incluso il calibro FC-718, e ha portato alla creazione della Manifattura come la conosciamo oggi.

Dalla storia di successo ispirata allo spirito americano, alla qualità svizzera, passando per il rigore asiatico e la razionalizzazione dei costi olandese, l’avventura di Frédérique Constant è tanto collettiva quanto internazionale, formando il DNA della Maison. Un tour mondiale e un’influenza multiculturale che è illustrata dalla Manifattura Classics Worldtimer – attraverso i suoi continenti, il suo movimento e fin nei minimi dettagli.

Classici Manifattura Worldtimer

Classici Manifattura Worldtimer © Frederique Constant

About the author

michaelkorsoutlet

Leave a Comment